Contenuto sponsorizzato

Si era masturbato in corriera, 38enne ai domiciliari per pericolo di reiterazione del reato

I fatti sono avvenuti a metà di marzo sulla corriera Canazei - Trento

Pubblicato il - 10 giugno 2018 - 08:35

TRENTO. La notizia aveva creato numerose polemiche, anche politiche. Ora, l'immigrato, con problemi psichiatrici, che si masturbava nascosto tra i sedili di una corriera a Canazei (qui la vicenda), è stato arrestato ed è finito ai domiciliari.

 

L'uomo 38enne era stato ripreso con un cellulare da un passeggero che si trovava sulla corriera e che è stato anche acquisito dai Carabinieri di Canazei. Era poi stato identificato grazie alla tessera utilizzata per salire sul mezzo pubblico.

 

Il fatto è accaduto a metà di marzo e immediatamente da parte delle forze dell'ordine erano arrivate delle rassicurazioni spiegando che non vi era “alcun pericolo sociale” e che “le donne non devono avere alcuna paura a usare il mezzo pubblico”. Il 38enne era stato già denunciato ed era emerso che aveva problemi psichici.

 

Ora la procura ha giustificato la richiesta dell'ordinanza di custodia cautelare con il pericolo di reiterazione del fatto. L'indagato sarà sentito i prossimi giorni per l'interrogatorio di garanzia. La difesa, intanto, ha già fatto sapere che chiederà al revoca dei domiciliari.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 23:37

A livello provinciale l'affluenza alle urne si attesta a circa il 50% degli aventi diritto. Urne aperte anche lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15 per rinnovare i consigli comunali e indicare "Sì" o "No" al referendum

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
20 settembre - 20:29

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.318 i guariti da inizio emergenza e 568 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, domenica 20 settembre, si specifica che 20 sono sintomatici, compreso 1 minorenne, e 8 casi sono ascrivibili ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato