Contenuto sponsorizzato

Affetto da disturbi psichici viene filmato mentre si masturba sul pullman. Ora è stato assolto: sul mezzo non c'erano minori

In primo grado era stato condannato a tre mesi ma in appello l'avvocato Valer ha fatto cadere l'aggravante penale (che avrebbe potuto spingere la condanna fino a 4 anni e 6 mesi di reclusione). Nel giugno 2018 l'allora parlamentare leghista Segnana chiedeva l'espulsione e che Salvini attenzionasse l'uomo. Oggi è l'assessora alla sanità e l'uomo è seguito dagli assistenti sociali dell'Apss 

Pubblicato il - 20 febbraio 2020 - 12:34

TRENTO. E' stato assolto perché è caduta l'aggravante e con essa il reato: non erano presenti minori su quella corriera ed essendo domenica non era luogo ''abitualmente frequentato da minori''. La legge parla chiaro, infatti, al riguardo e la ''reclusione'' per chi compie atti osceni in luogo pubblico fino a quattro anni e sei mesi ''si applica se il fatto è commesso all’interno o nelle immediate vicinanze di luoghi abitualmente frequentati da minori e se da ciò deriva il pericolo che essi vi assistano''. 

 

Di cosa stiamo parlando? Di un uomo, con problemi psichici acclarati, che era stato filmato, due anni fa, sulla corriera per Canazei intento a masturbarsi (QUI ARTICOLO). Il video aveva fatto il giro del web scatenando piogge di commenti razzisti perché, il 38enne in questione, era un cittadino di origini nigeriane. E i parlamentari leghisti avevano addirittura chiesto l'intervento dell'allora ministro dell'Interno Salvini. A chiedere che l'uomo fosse controllato con attenzione dal leader della Lega era stata l'allora parlamentare Stefania Segnana, oggi assessora alla salute e quindi figura politica di riferimento proprio di quel mondo che assiste e cura persone in queste condizioni, seguite dai servizi sociali dell'Apss.

 

L'uomo, rintracciato subito dai carabinieri, all'epoca dei fatti, aveva ammesso le proprie responsabilità e in base alle ricostruzioni era emerso che aveva ricevuto un messaggio sul suo telefonino con delle immagini pornografiche e senza rendersi bene conto di dove si trovasse e di essere ''osservato'' aveva cominciato a masturbarsi.

 

Da subito esclusa qualsiasi pericolosità sociale e qualsiasi forma di esibizionismo mentre da subito ribadita, piuttosto, la necessità di cure e assistenza l'uomo era finito ai domiciliari perché era risultato recidivo (in passato pare avesse compiuto atti osceni) e condannato a tre mesi di reclusione.

 

Segnana, all'epoca, aveva festeggiato la notizia con queste parole: "Di una cosa siamo convinti senza la nostra interrogazione, che all’epoca causò non poco scalpore tra i buonisti trentini, forse tutto sarebbe finito nel dimenticatoio" (QUI ARTICOLO). In questi giorni, però, è arrivata l'assoluzione in Corte d'Appello. Difeso dall'avvocato Valer l'uomo è stato prosciolto perché è venuta a cadere l'aggravante penale legata alla potenziale presenza di minori. Anche la procura è risultata d'accordo nel chiedere l'assoluzione. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 aprile - 06:01

In questi giorni, complici le festività di Pasqua, sarebbe dovuta partire la volata per entrare a pieno regime nella stagione estiva. Ma si naviga giocoforza a vista nell'incertezza generale, si cercano strategia e si ragiona sul futuro. Il presidente di Asat, Gianni Battaiola: "Ancora troppo incognite. Intanto puntiamo sulla formazione, non perdiamo i contatti con i clienti e analizziamo il mercato. Ma tanto dipende dalle norme di salute pubblica"

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato