Contenuto sponsorizzato

Si perdono nella nebbia, interviene il soccorso alpino per salvare due scialpinisti

E' successo sul Monte Altissimo. L'allarme è scattato intorno alle 15, quando i due scialpinisti, quarantenni della provincia di Verona hanno attivato i soccorsi: non riuscivano più a capire dove si trovassero

 

Pubblicato il - 18 marzo 2018 - 20:50

TRENTO. Si erano persi a causa della nebbia sul Monte Altissimo. Sono stati recuperati dal Soccorso alpino questa sera dopo un lungo pomeriggio di ricerche.

 

L'allarme è scattato intorno alle 15, quando i due scialpinisti, quarantenni della provincia di Verona hanno attivato i soccorsi: non riuscivano più a capire dove si trovassero.

A quel punto il coordinatore dell'Area operativa Trentino meridionale del Soccorso alpino ha subito inviato in quota una squadra di quattro tecnici con un quod attrezzato per muoversi sulla neve.

 

Giunta in quota, la squadra del Soccorso alpino ha iniziato le ricerche, muovendosi con gli sci di alpinismo. Nel frattempo altri due scialpinisti che si trovavano nella zona, uno dei quali del Soccorso alpino, si sono imbattuti nei dispersi e, conoscendo bene l'area, sono riusciti a dare maggiori indicazioni ai soccorritori.

 

Una volta raggiunti, la comitiva è stata accompagnata fino a valle.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 20:04

Da oggi si è deciso che per far finire in isolamento una classe non basta più solo un bambino ma ne servono due (alle superiori resta uno). A livello di contagio i positivi di oggi sono 207. Di questi oltre 110 sono a Trento e Pergine. Dati importanti anche per Rovereto, Levico Terme e Civezzano. Sono 48 i comuni dove si contano nuovi contagiati

23 ottobre - 17:54

Curioso caso nella mattina di venerdì 23 ottobre. Trento sud è stata interessata da un forte odore di gas, con diverse segnalazioni arrivate a Novareti e ai vigili del fuoco. Nell'aria in realtà si era disperso il prodotto odorizzante, utilizzato per dare il caratteristico sentore al metano

23 ottobre - 18:58

Le foto inviate a ildolomiti.it da parte di alcuni utenti mostrano situazioni a rischio contagio. In nessun caso viene rispettato il metro di distanza fisica. "Dovrebbero aggiungere carrozze ai treni ed invece pensano di aumentare i pullman che rimangono poi vuoti" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato