Contenuto sponsorizzato

Strappate in città decine di bandiere dell'Adunata, Pinamonti: ''Le rimetteremo e andremo avanti''

Vandalismi in diverse zone della città, per il presidente degli Alpini: "E' mancanza di rispetto per chi sta lavorando, contro l'imbecillità di certe persone si può fare poco"

Pubblicato il - 26 aprile 2018 - 08:59

TRENTO. Se qualche giorno fa dei vandali avevano rubato gli striscioni di benvenuto agli alpini a San Donà, questa volta ad essere presa di mira è stata la città. Durante le scorse notti, infatti, sono state fatte sparire diverse bandiere tricolori che il gruppo alpini di Trento aveva appeso in tutte le vie cittadine in vista dell'Adunata che si terrà a partire dall'11 maggio.

L'atto vandalico ha riguardato diverse zone di Trento. In piazza Dante sono state strappate alcune bandiere che era state appese in prossimità del laghetto mentre altre, dopo essere state strappate, sono state abbandonato ai lati della strada.

“E' mancanza di rispetto – ha spiegato il presidente Maurizio Pinamonti – nei confronti di chi sta lavorando. Contro l'imbecillità di certe persone si può far poco. Comunque noi non demordiamo, le rimetteremo e andremo avanti”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato