Contenuto sponsorizzato

Strasburgo, terrore al mercatino con morti e feriti. L'italiano coinvolto è il trentino Antonio Megalizzi

Terrore ieri sera al mercatino di Natale di Strasburgo. Un uomo ha aperto il fuoco contro la folla. Tra i feriti c'è anche il giovane giornalista Antonio Megalizzi  che ora si troverebbe fuori pericolo. La famiglia si sta recando a Strasburgo
QUI AGGIORNAMENTO

Di Luca Pianesi, Giuseppe Fin - 12 dicembre 2018 - 08:37

TRENTO. Il giovane giornalista radiofonico trentino Antonio Megalizzi è rimasto lievemente ferito nell'attentato che è avvenuto ieri sera a Strasburgo dove, secondo una prima ricostruzione, un uomo ha aperto il fuoco sulla folla che si trovava al mercatino provocando 3 morti e 13 feriti.

 

Megalizzi è un cronista radiofonico di Europhonica, emittente che fa parte del network delle radio universitarie. Appassionato di media ha anche partecipato al contest sul giornalismo partecipativo promosso da Tempora Onlus con partner ildolomiti.it.

La notizia del suo ferimento è arrivata dall’europarlamentare del Partito Democratico, Brando Benifei, che è stato informato dalla redazione dove il giornalista lavorava.

 

Megalizzi si trovava a Strasburgo per condurre un programma radiofonico in occasione della plenaria del Parlamento Europeo.

 

Il giovane giornalista è stato immediatamente soccorso e trasportato in ospedale. Attraverso un tweet fatto nella tarda serata di ieri l'emittente Europhorica ha precisato: “Lo staff italiano di Europhonica attualmente a Strasburgo è rimasto coinvolto nell‘incidente di questa sera. Sono giunte prime notizie alla redazione: i nostri colleghi italiani sarebbero fuori pericolo. Vi terremo aggiornati”.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 12:15

La Uil invita quindi il vescovo Lauro Tisi a valutare la possibile di cedere quel patrimonio che la curia non intende più utilizzare. Alotti: "Sarebbe un'ottima scelta dal punto di vista ambientale e sociale. Una soluzione per interrompere il consumo di suolo, incentivare i lavori di edilizia pubblica, le ristrutturazioni, e aumentare in modo rilevante l’offerta di alloggi"

23 settembre - 11:53

Ovunque si organizzano comitati intimoriti dall'arrivo della nuova tecnologia (anche a Dro dove sono state raccolte oltre 400 firme) e dal fatto che verranno installate nuove antenne per supportarla convinti che ciò aumenterà l'inquinamento elettromagnetico. In realtà è proprio il contrario. Ce lo spiegava l'ex direttore del nodo italiano degli Eit, Roberto Saracco, e ora lo spiega anche la principale associazione a tutela dei consumatori

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, venerdì sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato