Contenuto sponsorizzato

Attentato Strasburgo, Antonio Megalizzi ricoverato in ospedale. Si rincorrono le notizie. Andreatta: ''Tutta la città fa il tifo per te''

Da ore si susseguono le peggiori notizie ma al momento non ci sono conferme ufficiali. Le Monde lo inserisce tra i feriti gravi (fonte ministero affari esteri). Dai suoi colleghi le ultime erano che Antonio non era in pericolo di vita ma è impossibile sbilanciarsi. Sono ore di grande apprensione

Di Luca Pianesi - 12 dicembre 2018 - 14:20

STRASBURGO. Le notizie si rincorrono in queste ore di tensione. Il trentino Antonio Megalizzi è tra i feriti dell'attentato ai mercatini di Natale di Strasburgo di ieri sera dove hanno perso la vita tre persone e un'altra dozzina sono finite in ospedale. Immediatamente, quindi, senza filtro, è cominciata l'escalation più incontrollata di notizie. Sono emerse interviste, virgolettati di amici, di conoscenti e si è diffuso il panico più assoluto. ''Gli hanno sparato in testa ed è gravissimo'' hanno titolato alcuni, altri addirittura hanno ipotizzato il peggio. 

 

Le Monde intorno alle 13.45 ha confermato che un giornalista italiano sarebbe tra i feriti gravi e che la conferma sarebbe arrivata dal ministero degli esteri italiano.

 

 

L'unica notizia diretta che noi abbiamo è quella che ci arriva da Europhonica, la radio per la quale lavora Antonio che si occupa di Europa e che segue i parlamentari europei nella loro attività e che questa mattina spiegava: ''È fuori pericolo e la famiglia lo sta raggiungendo. Questo è quanto ci è stato comunicato ufficialmente e non abbiamo notizie di un peggioramento delle sue condizioni''. Nel frattempo è emerso anche che un altro membro dello staff francese di Europhonica, è finito in ospedale, anch'egli ferito e una delle due ragazze che era con Antonio ieri sera, questa mattina scriveva.

 

 

La fiducia è tutta riposta in Antonio, che come ''il Dolomiti'', conosciamo bene come conosciamo altri ragazzi di Europhonica. Non intendiamo dare altre notizie se non quelle ufficiali che arrivano direttamente da Strasburgo. Sabato, da europeista convinto, era in via Santa Croce a Trento con l'associazione TrentinoEuropa dove tra bandiere e volantini ha incontrato alcuni cittadini che affollavano le vie del centro. Il 28enne trentino, ieri, poco prima dell'attentato, si trovava con le sue due colleghe proprio al Parlamento europeo. 

 

 

 

 

Questo quello che scrive il sindaco di Trento Andreatta: “Siamo addolorati e in apprensione per il ferimento del nostro concittadino Antonio Megalizzi, colpito nell'attentato che ieri sera ha portato morte e terrore nel cuore della città di Strasburgo. Auguriamo ad Antonio, giovane giornalista di SanbaRadio, di superare questa difficile prova e di tornare presto a Trento, tra i suoi familiari e tra i suoi colleghi. Tutta la città in questo momento fa il tifo per lui”.

 

“Due anni fa, quando mancavano pochi giorni a Natale, Trento aveva espresso il proprio cordoglio alla città gemellata di Berlino Charlottenburg, colpita da un attacco terroristico che aveva provocato dodici morti e oltre cinquanta feriti – ricorda il sindaco - Oggi la nostra città è nuovamente ferita al cuore da questo ennesimo atto di violenza insensata in cui è rimasto coinvolto anche un nostro concittadino. Mai come oggi ci sentiamo cittadini europei, mai come oggi sentiamo il dovere di condannare ogni forma di violenza, mai come oggi ci sentiamo solidali con la Francia, i cittadini di Strasburgo e in particolare con le vittime dell'attentato e con i loro familiari”.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 05:01

Andrea Mazzarese, segretario regionale Sinappe, lancia l'allarme: "Gli agenti di polizia penitenziaria costretti a lavorare con l'illuminazione di un faretto che ci è stato lasciato provvisoriamente dai vigili del fuoco e in cinque sezioni manca anche la videosorveglianza"

21 gennaio - 12:57

Katia Rossato negli scorsi giorni ha fatto un post contro il Comune che ha detto no all'introduzione della pistola elettrica a Trento. Il Taser però diventa Teaser (una pubblicità, un trailer) per la consigliera che non legge e il marito (l'attivista Demattè) compie lo stesso errore mentre ieri attaccava il Dolomiti per una presunta fake news collezionando l'ennesima figuraccia

21 gennaio - 10:37

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato