Contenuto sponsorizzato

Studentessa di Rovereto arriva prima ai test di ammissione in Medicina e Chirurgia. Mariagiulia Festi batte tutti i 5 mila concorrenti

Il primo dei 160 posti per medicina e chirurgia dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano sarà suo. Il preside del Liceo Antonio Rosmini e i suoi compagni di classe della 5° B si congratulano con lei

Di Mustafa Muca - Liceo Rosmini Trento - 08 maggio 2018 - 12:26

ROVERETO. È  arrivata prima su 5 mila studenti che come lei ambivano alla Facoltà di Medicina. Mariagiulia Festi, studentessa del liceo Rosmini di Rovereto, ha battuto tutti e il primo dei 160 posti per la Facoltà di medicina e chirurgia dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano sarà suo.

 

“Cerchiamo studenti motivati e svegli - ha affermato il preside della Facoltà, Massimo Clementi - l’esame svoltosi nel mese di marzo consisteva nel risolvere 60 quesiti di logica e problem solving in 60 minuti". Una prova superata brillantemente dalla studentessa della 5° B del liceo roveretano.

 

E' riuscita a conquistare il primo posto in graduatoria al test di ammissione in lingua italiana, confrontandosi con ragazzi provenienti da tutta Italia, oltre che a superare anche la selezione per l’ammissione alla facoltà di medicina in lingua inglese.

 

Ciò che le ha consentito di raggiungere questi ottimi risultati è stato sicuramente la preparazione raggiunta alla fine di un percorso durato 5 anni, ma anche la sua tenacia e motivazione. Il dirigente del liceo Francesco De Pascale si è congratulato con Mariagiulia per l’ottimo risultato ottenuto augurandole, insieme ai docenti e compagni di classe, di poter realizzare il suo sogno.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

14 dicembre - 19:51

Si tratta di un uomo di 53 anni di Zambana. Faceva parte di un gruppo di tre persone. I soccorritori sono riusciti ad individuarlo e dopo averlo estratto da sotto la neve, in stato iniziale di ipotermia, è stato trasportato a Merano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato