Contenuto sponsorizzato

Travolto da un'auto pirata, la fuga dura poco, fermata una persona

Un ragazzo del posto è morto questa sera intorno alle 18 dopo un grave investimento. Il giovane stava andando in monopattino

Pubblicato il - 09 aprile 2018 - 20:08

MOENA. Dramma questa sera a Moena, un ragazzo ha perso la vita. Un ventenne stava andando con il monopattino quando è stato investito da un veicolo che dopo averlo travolto non si è fermato e si è dato alla fuga.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono subito portati i carabinieri di Moena e la polizia della Val di Fassa per ricostruire la dinamica, effettuare i rilievi e avviare le indagini. Un'indagine sembra rapida quella delle forze dell'ordine che nel giro di poco tempo si sono messi sulle tracce dell'auto pirata e hanno fermato una persona, che è stato accompagnata in caserma per un interrogatorio.

 

Il tragico incidente è avvenuto intorno alle 18. Il giovane è stato investito dal veicolo e ha riportato ferite e fratture gravissime. Sul luogo sono arrivati i soccorsi, compreso l'elicottero, ma le condizioni del giovane sono subito apparse disperate e per il giovane non c'è stato purtroppo nulla da fare. Il ragazzo è morto sul posto.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 13:44

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato