Contenuto sponsorizzato

Trovato il corpo di un giovane senza vita sul Doss Trento

Il corpo è stato rinvenuto intorno alle 17.30. Sul posto le forze dell'ordine e gli inquirenti (GLI AGGIORNAMENTI)

Pubblicato il - 03 febbraio 2018 - 18:47

TRENTO. E' stata trovata morta una persona questa sera intorno alle 17.30 poco dopo via Brescia salendo verso il Doss Trento e il monumento a Cesare Battisti. Sul posto sono giunte le forze dell'ordine, polizia, polizia locale e carabinieri, e un'autosanitaria per cercare di ricostruire quanto accaduto.

 

 

Il Doss è stato completamente blindato dalle forze dell'ordine e verso il monumento si sono diretti gli inquirenti per eseguire i rilievi del caso e ricostruire quanto accaduto. Dalle prime informazioni si tratterebbe di un giovane. Intanto continua il via vai di carabinieri e agenti per il sentiero che a piedi conduce verso il monumento e da quanto emerge il corpo del giovane presenterebbe delle ferite sul capo.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 19:25

Siamo riusciti ad assistere alla commissione dopo l'esito di una votazione grazie all'ok di 5 consiglieri contro 2. All'interno si è parlato di Santa Chiara, di Lucio Gardin e della candidatura a sindaco di Trento di Divina. Si è parlato dei tagli delle risorse (-15%) e di feste vigiliane. Ecco cosa è successo

29 gennaio - 20:19

Francesca Businarolo esulta dopo che il governatore Zaia avrebbe chiesto di far ritirare la proposta di taglio del parco naturale addirittura del 18% della sua estensione. Una vittoria dei cittadini e delle 10.000 persone che hanno aderito alla camminata per fermare questa operazione

29 gennaio - 16:12

La decisione è arrivata ieri sera in consiglio comunale durante la discussione di una mozione presentata dal consigliere di Altra Trento a Sinistra Jacopo Zannini. Dall'ottobre del 2018 i richiedenti protezione internazionale, infatti, non possono più iscriversi all'anagrafe. Si attende anche la sentenza della Corte costituzionale 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato