Contenuto sponsorizzato

Ubriaco in piazza Dante ruba un cellulare ad una minorenne. Fermato e allontanato da Trento per 48 ore

L'intervento della polizia locale ha riguardato un cittadino nigeriano. In piazza Venezia, invece, un uomo è stato trovato in possesso di sostanza stupefacente e privo dei requisiti per rimanere sul territorio nazionale 

Pubblicato il - 11 aprile 2018 - 10:05

TRENTO. Si trovava in piazza Dante ubriaco ed aveva appena rubato un cellulare ad una ragazzina minorenne. Un cittadino nigeriano è stato fermato dalla polizia locale che l'ha trovato in possesso anche di un oggetto che poteva essere utilizzato per ferire le persone.

 

Il fatto è accaduto lunedì. Il soggetto è stato denunciato a piede libero per entrambi i reati quello di furto e per essere in possesso di uno strumento atto ad offendere.

 

Contestualmente gli operatori di Polizia Locale lo hanno sanzionato amministrativamente per ubriachezza e, ai sensi del decreto Minniti, è stato redatto nei suoi confronti un provvedimento di allontanamento per 48 ore dal territorio comunale, il cosiddetto Daspo urbano.

 

Nell'ambito dei controlli portati avanti della Polizia Locale del Comune di Trento sui parchi cittadini, sempre lunedì gli agenti hanno fermato all'interno dei giardini di Piazza Venezia un cittadino di origini tunisine in possesso di una modesta quantità di sostanze stupefacente. L'extracomunitario è risultato non essere in possesso dei requisiti per la permanenza sul territorio nazionale ed è stato quindi deferito all'Autorità Giudiziaria per violazione delle norme sull'immigrazione. Lo stupefacente è stato posto sotto sequestro e il soggetto verrà segnalato al commissariato del Governo per violazione delle norme del Testo Unico sulle sostanze stupefacenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

21 novembre - 19:46

Per colpa del maltempo una frana si è abbattuta sulla strada che collega le frazioni di Zoldo Alto e Forno di Zoldo (dove si trova la scuola). Per questo i bambini sono stati coinvolti in una singolare avventura: aggirare la colata di fango sopra una passerella sul torrente Maé

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato