Contenuto sponsorizzato

Una discarica in via Mantova tra escrementi, bottiglie, tappi di siringhe e pezzi di rami

Il palazzo delle Poste, tra gli edifici storici della città, e gli adiacenti spazi che si affacciano su via Mantova, nella zona posteriore all'immobile, hanno sicuramente visto giorni migliori. Il Comune: "Interverremo quanto prima"

Di Andrea Solimano - Itt Marconi - 19 January 2018 - 21:41

TRENTO. Escrementi di cani, bottiglie rotte e tappi di siringhe. Tutto a pochi metri dal Duomo di Trento. Questa la desolante fotografia degli spazi in via Mantova, tra le vie più centrali del capoluogo. 

Il palazzo delle Poste, tra gli edifici storici della città, e gli adiacenti spazi che si affacciano su via Mantova, nella zona posteriore all'immobile, hanno sicuramente visto giorni migliori: un campo minato composto dagli escrementi dei cani.

Impossibile non restare colpi dagli odori e dalla discarica a cielo aperto. Agli escrementi si aggiungono, infatti, bottiglie rotte e tappi di siringhe, ma anche dai pezzi di albero, dopo che oltre un mese fa, un ramo si era staccato per centrare una vettura parcheggiata (Qui articolo).

"E' nostra intenzione - commenta Paolo Biasioli, vice sindaco di Trento - verificare e controllare la situazione di questi spazi. Se la proprietà è del Comune di Trento interverremo quanto prima e prenderemo i provvedimenti del caso, mentre se il proprietario è privato chiederemo un intervento o procederemo con l'eventuale addebito della pulizia".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 December - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 December - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 December - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato