Contenuto sponsorizzato

Una discarica a cielo aperto in via Lampi tra siringhe e immondizia, escrementi e preservativi

Il degrado a pochi metri dal nuovo collegio universitario. Siringhe, bottiglie di alcolici, ma anche indumenti, escrementi e preservativi. Il tutto appena oltre una recinzione che dovrebbe delimitare il cantiere e i binari della stazione ferroviaria. Un luogo nascosto e abbandonato, nonostante il continuo via vai di persone. (FOTO e VIDEO all'interno)

Di Giuseppe Fin e Luca Andreazza - 09 ottobre 2017 - 18:55

TRENTO. Immondizia, bottiglie di alcolici, vestiti abbandonati, escrementi e tantissime siringhe. Tutto questo a pochi metri da quello che sarà il futuro studentato universitario sorto al posto dell'ex collegio Majer, in via Giovanni Battista Lampi, una laterale di corso Buonarroti, che porta al sottopassaggio della stazione ferroviaria.

 

Qui la rete metallica posizionata per mettere in sicurezza i lavori è stata semplicemente spostata giusto per riuscire a passare. Al di là della recinzione si apre così uno spazio di pochi metri che dà sui binari della stazione.

 

Il panorama è quello di una discarica a cielo aperto, ma anche un luogo nascosto per iniettarsi una dose di eroina lontano da occhi indiscreti o perlomeno fino a quando gli appartamenti non saranno abitati dagli studenti universitari.

 

Basta infatti oltrepassare la rete metallica per trovarsi davanti a decine di siringhe abbandonate e circondate da sassi ancora sporchi di sangue, escrementi e bottiglie di alcolici lasciate nei diversi angoli, ma anche preservativi usati, giacche, scatole vuote di medicinali e quel che resta di qualcosa da mangiare e da bere.

 

Trento, degrado in via Lampi

 

La parete in compensato di legno, utilizzata sempre per delimitare i lavori nell'area posteriore del collegio, è stata divelta per fare ulteriore spazio alle necessità di queste persone e si apre uno scenario simile. Carte, bottiglie, siringhe e tanto altro che accompagna lo sguardo fino quasi alle vicine rotaie del treno.

 

Una zona degradata che però non finisce qui: impossibile, infatti, non accorgersi dell'odore tra escrementi e rifiuti vari abbandonati. Un'area che al momento continua a rimanere aperta tra il continuo via vai di persone, soprattutto in orari serali, e curiosi che si avvicinano per vedere il nuovo complesso universitario. 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 17:12

Con una crisi in atto, intere regioni che sono state in lockdown, il virus ancora molto presente e i decessi in aumento ha senso spingere per attivare il comparto della montagna che, giocoforza come qualsiasi ambito turistico, vive dell'assembramento altrimenti può anche non aprire, o non è meglio spingere compatti per ristori all'altezza delle perdite che ci saranno, prima di tutto per ristoratori, albergatori, artigiani e tutto il mondo della montagna prima che gli impianti che comunque dal pubblico hanno sempre avuto rassicurazioni 

26 novembre - 16:34

Una anziana di 82 anni è stata investita nella serata di mercoledì 25 novembre lungo la strada che dalla frazione di San Costantino porta a Fiè allo Sciliar. L'investitore, alla guida di un'automobile nera, si è dato alla fuga, non prestando soccorso alla malcapitata. La donna è stata portata in elicottero all'ospedale San Maurizio di Bolzano, dove le è stata constatata la rottura del femore

26 novembre - 16:20

In un post condiviso su Facebook: "Faremmo volentieri in maniera differente, ma l'asporto con i rifugi è impossibile, noleggiare a distanza non ha senso, impartire lezioni di sci dal divano è assai riduttivo e non credo nemmeno che qualcuno pagherebbe per un giro in funivia in streaming”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato