Contenuto sponsorizzato

Urto tra due treni della Trento-Malè. L'incidente è avvenuto in fase di rimessaggio

Nessun danno e nessun ferito, situazione ripristinata nella notte. La collisione è avvenuta nel deposito di Trento Nord quando i treni erano vuoti e venivano preparati e posizionati per il servizio del giorno seguente

Pubblicato il - 17 April 2018 - 09:38

TRENTO. Tecnicamente si tratta di un urto tra convogli in fase di manovra. L'incidente è avvenuto ieri sera verso le 22, nel deposito della Trento-Malé a Trento Nord. Nessun ferito, solo un lieve impatto che ha sollevato alcuni vagoni di qualche centimetro dalla sede dei binari.

 

La collisione è avvenuta in fase di rimessaggio, quando i treni erano vuoti e venivano preparati e posizionati per il servizio del giorno seguente. Per Roberto Andreatta del Servizio trasporti pubblici della Provincia di Trento, "si tratta di un errore di instradamento su un binario sbagliato".

 

"Niente di grave - spiega - nemmeno per quanto riguarda i danni. A mezzanotte il treno era già stato posizionato correttamente sui binari, pronto per il servizio della mattina. In fase di manovra la gestione degli scambi è manuale e la velocità non supera gli 8 km/h". 

 

"Non si faccia confusione con la percorrenza ordinaria - sottolinea il dirigente del Servizio trasporti - perché in quel caso la gestione degli scambi è automatica, con un sistema di sicurezza che interviene con l'arresto automatico del treno in caso di errore".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 January - 20:28

Sono 297 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi, mentre sono 38 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

 
 
20 January - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 January - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato