Contenuto sponsorizzato

Vendevano pezzi di ricambio per le auto ma ricevuti i soldi non spedivano niente: denunciati in due

La querela l'aveva presentata un uomo della Val di Fassa. I carabinieri di Canazei sono risaliti a due persone originarie della provincia di Catania. I militari di Imer hanno fermato un giovane della zona con moto senza targa e numero di serie grattato

Pubblicato il - 16 gennaio 2018 - 15:25

CANAZEI. Postavano su un sito on line pezzi di ricambio per autovetture e le mettevano in vendita salvo poi non inviare nulla dopo aver ricevuto il pagamento. I carabinieri di Canazei hanno denunciato, dopo un'indagine, due uomini originari di Catania, di Giarre, tali G.S classe '99 e T.A. classe '73.

 

Sono arrivati a loro dopo la querela presentata da un valligiano che era rimasto truffato. I due, infatti, in concorso tra loro, con più azioni esecutive, avevano postato sul sito i ricambi per autovetture e ricevuto il pagamento della merce a mezzo ricarica postpay per un ammontare di 400 euro, poi non avevano spedito niente rendendosi così irreperibili. Ora dovranno rispondere per truffa.

 

Sempre in Val di Fassa i carabinieri di Imer nell’ambito dei controlli alla circolazione stradale eseguiti in orario notturno nel territorio di Mezzano hanno rinvenuto e posto sotto sequestro un motociclo marca “Beta”, privo di targa, al quale era stato anche abraso il numero di telaio. Indagini immediate hanno consentito ai militari di identificarne il proprietario in un diciannovenne del luogo, tale P.A., il quale veniva denunciato a piede libero per il reato di contraffazione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 17:28

Il Pibe de Oro si è spento mercoledì 25 novembre a 60 anni a causa di un arresto cardiorespiratorio

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

25 novembre - 17:04

Sulle piste da sci Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Bolzano, Trento, Veneto e Friuli-Venezia Giulia, chiedono un passo indietro al Governo: “Senza l’apporto della stagione invernale per la montagna è il disastro totale. Chiudere durante le festività natalizie significherebbe pregiudicare irrimediabilmente l’intera stagione”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato