Contenuto sponsorizzato

Vetri in frantumi, i mezzi del Rugby Trento nel mirino: "Peccato, pagano soprattutto i più giovani"

Il tutto è avvenuto nella notte di San Valentino tra mercoledì e giovedì, quando ignoti si sono scagliati contro le fiancate esterne dei mezzi, un Ford Tourneo e Renault Trafic. Illuminazione scarsa e assenza di telecamere, ladri in azione

Pubblicato il - 17 febbraio 2018 - 20:16

TRENTO. Amara sorpresa nella mattina di giovedì scorso per i dirigenti del Rugby Trento. Nel mirino di alcune persone i furgoni della società di via Fersina che hanno mandato in frantumi i vetri dei mezzi parcheggiati a Trento Sud. 

 

Il tutto è avvenuto nella notte di San Valentino tra mercoledì e giovedì, quando ignoti si sono scagliati contro le fiancate esterne dei mezzi, un Ford TourneoRenault Trafic.


"Purtroppo - spiega Luca Della Sala, numero uno del Rugby Trento - la zona non è particolarmente illuminata e mancano le telecamere che potrebbero rappresentare un buon deterrente. Queste persone hanno probabilmente cercato dei pezzi di ricambio, come le batterie dei veicoli".  

Un gruppo di ladri quindi specializzato nel furto e nella rivendita irregolare di ricambi. "Fortunatamente - aggiunge Alessandro Sandrin, dirigente del sodalizio gialloblu della palla ovale - i danni sono contenuti e siamo riusciti a porre rimedio in breve tempo".

 

Oltre ai danni, un'azione che però si ripercuote indirettamente anche sui più giovani. Un Rugby Trento in fermento e in piena attività tra le diverse formazioni gialloblu, dall'Under 6 all'Under 16 per una società che si basa sul volontariato e sulle proprie forze. 

"Questi gesti - prosegue Della Sala - fanno chiaramente male. La nostra è una realtà che crede nello sport come veicolo sociale: collaboriamo con il Villaggio Sos del Fanciullo, ma anche coi migranti tramite Uisp. Alcune volte rinunciamo anche alle quote di iscrizione per andare incontro alle famiglie più in difficoltà. Cerchiamo di fare divertire e crescere bambini e ragazzi: più che il danno ai mezzi, spiace dover sottrarre risorse che potrebbero essere utilizzate altrove".

Non è la prima volta che in via Fersina accadono eventi di questo genere e la richiesta dell’installazione di telecamere per coprire l’area del parcheggio e l’ingresso della struttura viene naturale. "Senza polemica - conclude il presidente - ma chiederemo qualche intervento in Comune per cercare di evitare altri episodi".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato