Contenuto sponsorizzato

Violento temporale, grandina in collina a Trento e sulla Vallagarina. Intanto in via Perini saltano i semafori

Tra le zone più colpite dalla grandine ci sono Rovereto e la Vallagarina, zone già colpite martedì 8 maggio, soprattutto nella zona di Mori, dove si erano registrati ingenti danni all'agricoltura. Allagamenti in Valsugana. Grandinata anche a Cognola

Pubblicato il - 27 maggio 2018 - 17:38

TRENTO. Un violento temporale si è abbattuto sul Trentino nel pomeriggio di oggi. Acqua che in diverse zone si è trasformata in grandine

 

Tra le zone più colpite dalla grandine ci sono Rovereto e la Vallagarina, zone già colpite martedì 8 maggio, soprattutto nella zona di Mori, dove si erano registrati ingenti danni all'agricoltura (Qui articolo). 

 

In quel caso la Città della Quercia era diventata una piccola Venezia con il livello dell'acqua che arrivava alle caviglie.

 

Una situazione che aveva causato grandi problemi alla viabilità: l'acqua aveva invaso le vie dopo aver intasato i tombini del riflusso.

 

Bersagliata anche la Valsugana, dove si registrano diversi allagamenti e le strade invase dall'acqua.

 

Oggi la grandine non risparmia neppure la collina di Trento, come a Cognola. Difficoltà e disagi in particolare alla galleria di Martignano, che è oggetto, come spesso capita, di allagamento.

 

In via Perini a Trento, il temporale ha causato disagi sulla rete elettrica: i semafori sono saltati e quindi è necessario prestare particolare attenzione agli incroci sprovvisti di segnaletica luminosa.

 

Sono già diversi gli interventi dei vigili del fuoco delle varie zone per cantine e garage invasi dall'acqua. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 17:33

I danni da masse nevose a causa della nebbia non sono ancora del tutto visibili, ma si teme che si siano verificati grossi danni. I geologi provinciale hanno riferito di frane in val Pusteria, val Badia, valle Isarco e Bassa Atesina

18 novembre - 16:31

Il personale di Veneto strada sta monitorando il territorio colpito da diversi smottamenti. Anche la frana di Schiucaz è seguito in tempo costante dopo gli smottamenti avvenuti nelle ultime ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato