Contenuto sponsorizzato

Violenta grandinata in Val di Non, danni all'agricoltura e allagamenti

Il temporale è iniziato nella prima serata, verso le 19. Nel Mezzalone si raggiungerebbero addirittura i 300 ettari di territorio agricolo danneggiati e i paesi di Livo e Cis risulterebbero i più colpiti. Numerosi interventi dei Vigili del Fuoco

Pubblicato il - 13 July 2018 - 10:28

CLES. Il temporale si è abbattuto sulla Val di Non nella prima serata di ieri e quello che si temeva è avvenuto: la grandine ha di nuovo colpito vaste zone di meleti, come era avvenuto nelle scorse settimane. Verso le 19, per poco meno di mezz'ora, chicchi di ghiaccio misti ad acqua hanno interessato una larga zona della valle.

 

Le zone più colpite quelle di Tassullo, un po' meno la zona di Cles. Chicchi piccoli ma capaci di ammaccare mele, in alcuni casi forando la buccia, e di tranciare le foglie. Danni che oggi saranno analizzati con più attenzione con i sopralluoghi nelle aree colpite.

 

Il danno sembra comunque grave, esteso in modo molto significativo. Nel Mezzalone si raggiungerebbero addirittura i 300 ettari di territorio agricolo colpito e i paesi di Livo e Cis risulterebbero i più colpiti dalla violenta grandinata di ieri. 

 

Oltre all'agricoltura, i danni di ieri hanno colpito anche abitazioni e garage. I Vigli del fuoco sono infatti intervenuti in più occasioni per liberare dall'acqua scantinati e depositi. A Livo, per colpa di un fulmine, si è interrotta anche l'energia elettrica per più di un'ora

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 February - 13:30

Ecco cosa dice la bozza del nuovo dpcm che sarà valido fino al 6 aprile. La zona rossa diventa più rossa con la chiusura anche di parrucchieri e barbieri quella bianca sempre più una realtà (dopo il caso della Sardegna) e prevede la riapertura praticamente di tutto (bar, ristoranti, cinema e teatri senza coprifuoco alle 22) eccetto fiere, congressi, discoteche e stadi. Resta il divieto di spostamento tra regioni ma novità per i musei

27 February - 12:53

Si allunga l’elenco di Regioni e Province che hanno scelto di chiudere le scuole, troppo alto il rischio di contagi. Rezza: “Quando si parla di chiusure scolastiche è sempre doloroso ma laddove ci sono dei focolai o sono presenti le varianti è chiaro che tale decisione è assolutamente da considerare”

27 February - 12:15

Sono svariati migliaia i tamponi processati per cercare le varianti in Alto Adige e complessivamente i casi trovati sono 630 e ''finora la mutazione sudafricana è stata trovata solo nella zona di Merano, Val Passiria e Val Venosta''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato