Contenuto sponsorizzato

Virus West Nile, anche in Trentino stop temporaneo delle donazioni di sangue per chi ha soggiornato in province colpite

Lo stop è di 28 giorni per chi ha soggiornato anche solo una notte nelle province colpite. Valcanover: "Serve per garantire massima sicurezza. Le donazioni nei nostri centri comunque continuano" 

Di gf - 24 agosto 2018 - 12:12

TRENTO. Stop delle donazioni di sangue anche in Trentino per le persone rimaste, anche una sola notte, nelle province italiane colpite dal West Nile virus. Una prassi, questa, per garantire la massima sicurezza ed è stata  già utilizzata lo scorso anno per la febbre Chikungunya. 

 

 “E' bene chiarire – ha affermato Franco Valcanover, presidente dell'Avis Trentino – non c'è alcuna emergenza da noi e che lo stop riguarda particolari casi ma l'attività di donazione nei nostri centri prosegue”.

 

Quotidianamente nel sito del Centro nazionale sangue vengono aggiornate le zone colpite dal virus. Tra le ultime province interessate troviamo Biella, Bergamo, Asti e Varese. Sono però in totale oltre 30 le provincie citate dal Centro Nazionale Sangue, soprattutto in pianura Padana.

 

“Le persone – spiega Valcanover – che hanno soggiornato in queste province non possono donare per 28 giorni che è il periodo di incubazione della malattia. Non ritengo che questo ci crei dei problemi grazie ai numerosi e importanti donatori che abbiamo”.

 

Al momento, infatti, per quanto riguarda il Trentino non ci sono carenze nelle scorte di sangue. “Stiamo andando avanti tranquillamente per l'autosufficienza provinciale e anche nazionale – continua il presidente – visto che diamo una mano ad altre regioni”.

 

Il virus del Nilo Occidentale (conosciuto con la denominazione inglese di West Nile Virus) è un Arbovirus che solo accidentalmente può infettare l’uomo. L’infezione umana è in oltre l’80% dei casi asintomatica; nel restante 20% dei casi i sintomi sono quelli di una sindrome pseudo-influenzale. Nell’ 0,1% di tutti i casi (comprensivi dei sintomatici ed asintomatici), l’infezione virale può provocare sintomatologia neurologica del tipo meningite, meningo-encefalite.

(Tabella tratta dall'ultimo bollettino epidemiologico)

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 13:10

Dopo quanto accaduto a Ischgl tra febbraio e marzo il cancelliere austriaco ha annunciato una serie di misure che si applicheranno questa stagione sulle piste. Mascherine in funivia, distanza di un metro gruppi di massimo 10 persone per le scuole di sci

24 settembre - 10:46

Era stato ricoverato al Negrar. Sono sopraggiunte delle complicanze a seguito della caduta e così è deceduto. Nell'incidente si era ferita anche la figlia di 40 anni

24 settembre - 11:50

Al ballottaggio ci sono l'ex sindaco e l'imprenditore Zanin. Decisivo diventa quel 13% che è stato preso dal candidato dell'Svp che, per ovvi motivi, non può imparentarsi con ultra nazionalisti e figure vicine all'ultra destra. Intanto i nostalgici di Casapound salutano il consiglio: '' Siamo i fantasmi di una guerra che non abbiamo fatto, ma siamo i guerrieri di una pace durata troppo a lungo. Ancora qui ci ritroverete tra mille anni e mille anni ancora''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato