Contenuto sponsorizzato

Aggredito e derubato di 30 euro, la polizia ferma due ragazzi di 18 e 20 anni

I due ragazzi hanno picchiato a sangue un loro connazionale. Il fatto era avvenuto in via dei Ventuno e le forze dell'ordine, grazie alle indagini portate avanti, sono riuscite ad individuare i colpevoli  

Pubblicato il - 08 ottobre 2019 - 08:07

TRENTO. Sono due le persone colpite da misure cautelari per una rapina avvenuta in via dei Ventuno a Trento dove un giovane è stato aggredito e derubato.

 

Le misure sono state emesse nelle scorse ore. La violenta aggressione sarebbe avvenuta per rapinare il giovane di 30 euro.

 

I due ragazzi di nazionalità magrebina di 18 e 20 anni, hanno picchiato a sangue un loro connazionale lasciandolo poi riverso a terra a poca distanza dal castello del Buonconsiglio.

 

Il giovane aggredito è stato poi portato in ospedale con lesioni giudicate guaribili in circa tre settimane. Grazie alle testimonianze e agli elementi raccolti, gli agenti di polizia sono riusciti ad individuare i due autori dell'aggressione e ad arrestarli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 ottobre - 19:05

La procura ha avviato un'indagine per contestare la carenza di documentazione contabile e la destinazione delle spese. In pratica non verrebbero distinte le risorse utilizzate per attività istituzionali e che sono ammesse da quelle commerciali per le quali la legge non permette di utilizzare fondi di derivazione pubblica

15 ottobre - 14:06

Gli sportivi turchi che sostengono l’invasione e il governo di Ankara festeggiano i propri risultati con il saluto militare ma, nonostante le minacce, si levano anche alcune voci critiche.  Nel frattempo la squadra tedesca del St. Pauli licenzia un giocatore che aveva espresso il suo sostegno a Erdoğan "valori in contrasto con quelli del club"

15 ottobre - 17:23

L'indagine è partita dopo i ripetuti episodi di avvelenamento di animali domestici e selvatici, registrati negli ultimi mesi in Vallagarina. L’operazione, che ha consentito anche una bonifica del territorio e la ricerca di esche mediante il ricorso a cani specificamente addestrati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato