Contenuto sponsorizzato

Corridoi umanitari, il Trentino accoglierà 6 persone che provengono dai campi profughi in Libano

La conferma dopo l'ok della delibera proposta dal presidente Fugatti. In Trentino ci sono già 26 persone già accolti grazie al progetto dei "Corridoi umanitari"

Foto da internet
Pubblicato il - 09 novembre 2019 - 19:54

TRENTO. Ci saranno anche bambini dai 2 ai 16 anni nel nucleo familiare di sei persone che dal Libano, grazie al progetto di accoglienza dei “corridoi umanitari”, saranno ospitati a Trento. Le sei persone sono state seguite dai volontari di Operazioni Colomba e negli ultimi quattro o cinque anni sono rimasti in un centro profughi del Libano in condizioni molto difficili. Il lavoro instancabile portato avanti dal Ministero degli interni e degli esteri assieme alla Cei-Conferenza episcopale italiana, e alla Comunità di Sant'Egidio, ha permesso la creazione di questo nuovo corridoio.

 

Questo progetto di accoglienza è stato approvato all'unanimità a livello locale dal Consiglio provinciale lo scorso luglio e l'ok all'accoglienza è stato messo nero su bianco su una delibera approvata in giunta provinciale e proposta da Maurizio Fugatti. Non è la prima volta che in Trentino accoglie grazie al progetto dei “Corridoi umanitari”. Le sei persone che arriveranno dal Libano, infatti, si aggiungeranno alle altre 26 già accolte sul nostro territorio. Verrà scelto in prossimità dell'arrivo quale sarà l'associazione e la cooperativa a cui verrà affidata l'accoglienza.

 

CORRIDOI UMANITARI

Il Progetto per l'apertura di corridoi umanitari con il Libano, Paese in cui sono presenti numerosi campi profughi che ospitano  soprattutto rifugiati provenienti della vicina Siria, prevede lo sviluppo di una politica integrata di accoglienza per quelle persone e quelle famiglie che hanno dovuto lasciare le loro case in seguito alla guerra. A livello nazionale i referenti sono lo Stato italiano, la Cei e la Comunità di Sant'Egidio, le cui attività sono regolate da un apposito Protocollo d'intesa. Le  persone coinvolte nel Progetto iniziando un percorso che le porterà ad assumere lo status di rifugiato, equiparato a quello dei cittadini italiani. Il periodo di accoglienza ha una durata di 16-24 mesi (per questo nuovo nucleo familiare, andrà dal novembre 2019 ad aprile 2021). In seguito i rifugiati proseguono autonomamente il loro percorso di integrazione nel Paese di accoglienza.

 

COSTI

Il costo a carico della Provincia è di circa 30 euro al giorno per ciascuna persona accolta.

Nel 2019 la spesa totale sostenuta dalla Provincia per il Progetto di accoglienza è stata di 271.000 euro. Nel 2020 sarà di circa 204.000 euro (per circa 6800 giornate di ospitalità). Nel 2021 le giornate di ospitalità caleranno a poco meno di 3.000 (per effetto della conclusione del Progetto per alcuni beneficiari, che continueranno autonomamente il loro percorso di integrazione); di conseguenza la spesa totale sarà di poco meno di 100.000 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 20:46

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 20 i Comuni con almeno 1 nuova positività

27 gennaio - 21:02

Il deputato della Lega ha incassato l'interessamento dell'associazione Millions of friend in Romania a valutare la possibilità di ospitare un orso attualmente rinchiuso al Casteller. Maturi: "Ora bisognerà comprendere le eventuali incombenze burocratiche e perfezionare eventuali accordi, ma possiamo serenamente affermare che da oggi c'è un cambio di passo"

27 gennaio - 19:08

Nella frazione tionese di Saone campeggia ancora una via dedicata al gerarca fascista Italo Balbo. Il responsabile trentino dell'Uaar Giacomini ha scritto una lettera aperta al Comune affinché si cambi: "E' una manganellata alla memoria dei trentini". Il sindaco di Tione Eugenio Antolini: "Se ci verrà posta la questione, valuteremo il da farsi"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato