Contenuto sponsorizzato

Documenti falsi per ottenere i rimborsi. Due dentisti devono risarcire 120 mila euro all'Apss

Uno studio dentistico aveva preparato documenti falsi per ottenere rimborsi. Le indagini sono state portate avanti dai carabinieri dei Nas

Pubblicato il - 21 April 2019 - 13:21

TRENTO. Dovranno restituire un totale di circa 120 mila euro i due dentisti che sono stati condannati dalla Corte dei Conti per dei documenti “falsi” fatti per ottenere dei rimborsi a cure dentistiche.

 

La faccenda riguarda uno studio dentistico di Pinè dove lavorano due dottori convenzionati con l'azienda sanitaria e un'altro studio a Cavalese sprovvisto di convenzione.

 

Negli anni dal 2011 al 2015 alle persone che si rivolgevano a Cavalese era stato detto che potevano fruire delle cure in convenzione con l'Azienda sanitaria. Questo pur non avendo una convenzione ma veniva predisposta una documentazione falsa per far attestare che le operazioni erano fatte a Pinè presso lo studio che invece era convenzionato con l'Apss.

 

L'indagini sono state portate avanti dai carabinieri dei Nas e da parte della Corte dei Conti è arrivata ora la condanna per danno erariale.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 27 settembre 2022
Telegiornale
27 Sep 2022 - ore 22:18
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
28 settembre - 10:09
Il presidente di Levico Terme, Mario Malossini: "Per ora resto alla guida della società che è solida e con una squadra molto coesa. [...]
Cronaca
28 settembre - 10:03
Sul posto i carabinieri, difficolto nel traffico con code e rallentamenti 
Politica
28 settembre - 06:01
L’intervista allo storico trentino Francesco Filippi: “Non credo che tutti quelli che hanno votato per Meloni siano dei nostalgici, quello che [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato