Contenuto sponsorizzato

E' in postazione per cacciare gli ungulati, era senza licenza. Nei guai anche un parente che gli ha prestato i due fucili

Nel corso dell'operazione il personale in servizio e i guardiacaccia dell'associazione cacciatori trentini hanno sorpreso l'uomo in val Calamento

Pubblicato il - 09 settembre 2019 - 18:47

BORGO. E' stato pizzicato privo di licenza di porto di fucile su una postazione mentre esercitava l'attività venatoria agli ungulati

 

I due fucili sono stati sequestrati, mentre il bracconiere è stato segnalato all'autorità giudiziaria per uso di armi in modo illegale e per l'esercizio illecito dell'attività venatoria.

 

Non solo, nei guai anche un parente dell'uomo, sorpreso in flagranza dai forestali, per aver messo a disposizione le armi con le quali si è consumato il reato.

 

Il corpo forestale della Provincia è entrato in azione nei giorni scorsi, coordinato dall'ufficio forestale distrettuale di Borgo. Nel corso dell'operazione il personale in servizio e i guardiacaccia dell'associazione cacciatori trentini hanno sorpreso l'uomo in val Calamento

 

Il bracconiere era già entrato nel mirino dei forestali alcuni anni fa: anche in quel caso era stato trovato in possesso di armi clandestine modificate e per questo aveva ricevuto un provvedimento di revoca della licenza da parte delle autorità competenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 11:45

I due consiglieri provinciali hanno sfoderato uno l'immagine del Grinch l'altro quella trita e ritrita del ''sindacalista di sinistra'' ma il capolavoro è dell'assessore al turismo che parla di ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''. Proprio lui autore della legge sulle chiusure domenicali nel momento dove serviva spingere al massimo l'economia e che ha direttamente bollato Trento e molte altre località come ''non turistiche''

20 ottobre - 11:25

Le due deputate pentastellate Doriana Sarli e Carmen Di Lauro sono riuscite "dopo quasi dieci ore di attesa" a entrare nel centro del Casteller. Giunte per "constatare la situazione dei 3 orsi", si erano viste negare l'accesso dalla Provincia e dai gestori, rivolgendosi allora ai carabinieri di Trento. "Abbiamo verbalizzato una denuncia. Gli orsi stanno bene ma gli spazi sono inadeguati. Devono essere liberati"

20 ottobre - 11:57

Il bollettino Coronavirus dell'Azienda sanitaria altoatesina conta oggi ben 209 casi in più. Un numero altissimo, mai registrato in 24 ore. Il tasso contagi/tamponi schizza così all'11,5%, con un bilancio provvisorio che cresce e supera i 5000 contagiati da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato