Contenuto sponsorizzato

Escono dall'acqua e in dodici, compreso un bimbo di un anno, accusano una dermatite. La colpa sarebbe degli uccelli acquatici sul Garda

Le vittime, sei adulti e sei bimbi, sono tutte turisti. L'allarme è scattato intorno a mezzogiorno e la macchina dei soccorsi si è subito portata sul posto con diverse ambulanze, oltre ai carabinieri per raccogliere le testimonianze

Pubblicato il - 07 July 2019 - 19:48

LONATO SUL GARDA. Bolle e fastidio, dodici bagnanti sono uscite dall'acqua del lago di Garda e subito hanno accusato una dermatite. La causa? Le deiezioni dei volatili, che provocano piccole e vistose macchie, ma soprattutto tanto prurito.

 

Le vittime, sei adulti e sei bimbi, compreso un piccolo di un anno, sono tutte turisti. L'allarme è scattato intorno a mezzogiorno e la macchina dei soccorsi si è subito portata sul posto con diverse ambulanze, oltre ai carabinieri per raccogliere le testimonianze.

 

Dopo le prime cure del caso, quattro persone sono state trasportate in ospedale per gli approfondimenti e sono state fortunatamente dimesse in poche ore. 

 

Nessuna allerta inquinamento e nessun divieto di balneazione. Le cause della "dermatite del bagnante" sono riconducibili a una reazione allergica da un parassita che si trova nelle feci degli uccelli acquatici, quali anatre, cigni, oche e gabbiani.

 

Un parassita che si nasconde in profondità, ma che può salire in superficie se le temperature sono particolarmente alte

 

Gli esperti consigliano di evitare i bagni nelle ore più calde e di fare una doccia appena usciti dall'acqua.

 

Questo fenomeno non è, infatti, un'anomalia, ma questi casi possono accentuarsi sul Garda, dove gli uccelli acquatici sono presenti in gran numero. 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 novembre - 18:28
La notizia è di queste ore e rimbalza sui siti e sui giornali svizzeri perché la richiesta era stata avanzata dal Paese Elvetico. Ma analizzati i [...]
Cronaca
29 novembre - 16:44
La presa di posizione di Futura: “L’esperienza del Centro Sociale Bruno non solo non va sgomberata ma al contrario, anche in vista dei prossimi [...]
Cronaca
29 novembre - 17:19
Il provvedimento del questore di Trento, Maurizio Improta, ha sospeso la licenza per la somministrazione di bevande e alimenti del White Lounge bar
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato