Contenuto sponsorizzato

Fiera di San Giuseppe, in campo gli agenti in borghese contro furti e abusivismo. Oggi 600 bancarelle in centro storico, ecco divieti e modifiche alla circolazione

La polizia locale assicurerà i necessari servizi di viabilità e di controllo dell'area di mercato, impiegando in totale 85 agenti

Pubblicato il - 17 marzo 2019 - 09:10

TRENTO. Dalle 7 di questa mattina e fino alle 19 di questa sera per le vie del centro storico di Trento si terrà la tradizionale Fiera di San Giuseppe. L’evento, che prevede come ogni anno un consistente afflusso di persone, vedrà in città oltre seicento bancarelle e spazi per le associazioni di volontariato.

 

Nell’area di piazza Duomo e di via Rosmini saranno presenti, come di consueto, espositori di fiori, piante e prodotti dell’agricoltura, mentre le associazioni di volontariato, che presenteranno le loro attività, saranno disposte nelle vie Garibaldi, Mazzini, Oss Mazzurana e in piazza Pasi.

 

Per permettere il regolare svolgimento dell'iniziativa è stata decisa l'istituzione di divieto di transito veicolare e di divieto di sosta e fermata con rimozione forzata per tutta la giornata del 17 marzo, dalla mezzanotte fino al termine delle operazioni di sgombero e di pulizia delle strade, sulle seguenti vie o piazze: via del Suffragio, via S. Pietro, largo Carducci, via Dordi (tra l'intersezione con piazza Vittoria parte ovest e l'inizio di via Dordi con obbligo di svolta a sinistra lungo  piazza Vittoria direzione via Calepina), via Garibaldi, via Oriola, via Mantova, via Oss Mazzurana, via Manci, via Roma, via Pozzo, via Orfane, via Cavour, via del Simonino, via Santa Maria Maddalena, via Esterle (tratto fra piazza Duomo e via Borsieri), via Borsieri, via del Torrione, via Belenzani, piazza S. Maria Maggiore, piazza Duomo, piazza D’Arogno, via Verdi, via Alfieri, via Maffei, via Galilei, via Prati, via Mazzini, via della Prepositura, via Rosmini, piazza della Portela, via Bomporto, via Inama, piazza Battisti, piazza Pasi, piazza Da Vinci, via Mantova (da via Roggia Grande a largo Carducci) e via Zanella.

 

La polizia locale assicurerà i necessari servizi di viabilità e di controllo dell'area di mercato, impiegando in totale 85 agenti.

 

L'attività degli agenti è suddivisa con un contingente dedicato a garantire il controllo e la gestione delle attività commerciali su area pubblica (con inizio del turno nelle primissime ore del mattino e fino a fine manifestazione), due squadre impiegate per la viabilità, il pronto intervento e il rilievo dei sinistri stradali e, per l'occasione, è stato predisposto anche un servizio finalizzato alla prevenzione dell'abusivismo commerciale ma anche dei furti mediante l'impiego di agenti in abiti civili.

 

Il coordinamento è garantito da un funzionario e due Commissari. Il personale della centrale operativa, che gestisce tutte le trasmissioni radio con gli agenti e il traffico telefonico con la cittadinanza, è stato incrementato per numero assicurando la presenza in sala radio di tre operatori per turno di servizio.

Dal 6 marzo è ospitato in piazzale Sanseverino l'annuale parco divertimenti, che sarà in attività fino al 24 marzo. Le giostre sono aperte al pubblico nelle giornate feriali dalle 13.30 alle 23, nelle giornate festive e prefestive dalle 9 alle 23.

 

Piazzale Sanseverino, chiuso al traffico dal 6 marzo per permettere le operazioni di montaggio delle attrazioni, verrà riaperto agli automobilisti mercoledì 27 marzo, dopo lo smontaggio delle attrazioni.

 

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 marzo - 21:05

Gli assessori dopo aver organizzato l'evento aperto al pubblico per parlare di educazione di genere hanno blindato l'ingresso a studenti, professori, cittadini con agenti in tenuta antisommossa. Sono volate le botte e alla fine Biesesti ha riacceso gli animi decidendo di uscire dall'ingresso principale dove c'erano i manifestanti

22 marzo - 05:01

Dal ritorno di Carlo Pedergnana al sindaco di Castello Molina di Fiemme. Vengono spesso derubricate a goliardate, scherzi, errori di gioventù. Ma siamo sicuri che su certe cose sia davvero il caso di ridere? Stiamo parlando di saluti romani, bacetti al busto del Duce, tatuaggi con svastiche e fasci littori esposti con orgoglio in casa

22 marzo - 12:41

E' successo ieri pomeriggio a Trento. Due uomini stavano litigando violentemente quando è arrivata una volante della polizia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato