Contenuto sponsorizzato

Il genitore si accorge che il pullman è sbilanciato: a Rovereto scatta il controllo e il mezzo viene sospeso dalla circolazione

Il pullman era partito dalla provincia di Vicenza. Allertata la scuola è scattato il controllo della polizia stradale di Trento che ha scortato gli studenti in gita fino al Muse e poi ha accompagnato il mezzo alla motorizzazione

Pubblicato il - 26 marzo 2019 - 17:56

TRENTO. Un genitore si è insospettito per le condizioni in cui versava il pullman e ha avvertito la scuola la quale ha contattato la polizia. A Rovereto è scattato il controllo ed il mezzo è stato trovato effettivamente in difetto. Gli studenti sono, quindi, stati scortati dalla polizia stradale di Trento fino al Muse dove sono stati lasciati per fare la loro gita. Intanto gli agenti hanno accompagnato il mezzo alla motorizzazione civile dove è stato sottoposto a revisione straordinaria, sanzionato e sospeso dalla circolazione. 

 

Il mezzo, infatti, aveva un grave problema all'assale e quindi non era molto stabile.

 

La vicenda ha avuto inizio su segnalazione del genitore di uno studente di una scuola della provincia di Vicenza che ha avvisato l'istituto di alcune perplessità relativamente allo stato del pullman dove aveva fatto salire suo figlio e i suoi compagni. La scuola ha avvisato la polizia stradale di Vicenza, che a sua volta ha segnalato la cosa alla sezione di Trento, la quale ha allertato le pattuglie.

 

Poco dopo le 10 di questa mattina una pattuglia della sezione autostradale ha individuato il pullman in autostrada poco oltre Rovereto ed ha provveduto al controllo e poi a scortare il mezzo sino alla motorizzazione. La sala operativa della polizia stradale che si occupa dell’autostrada A22 del Brennero (C.O.A.), ha provveduto ad informare la scuola e l’azienda proprietaria del veicolo di quanto accaduto cosicché è stato possibile organizzare l’invio di un altro pullman per consentire un sicuro rientro a casa degli studenti.

 

Tutto, insomma, secondo le procedure in base al protocollo d’intesa siglato tra il Ministero dell’Interno ed il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca). Come noto, il protocollo prevede che gli istituti di Istruzione possano comunicare alla sezione capoluogo di polizia stradale la programmazione delle gite scolastiche affinché sia effettuato, prima della partenza, ogni opportuno controllo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato