Contenuto sponsorizzato

IL VIDEO. Picchia a sangue un collega e poi nudo distrugge vetrine e una decina di auto. Mattinata di paura a Bolzano

L'uomo, un 34enne, sarebbe un operatore centro profughi ex Alimarket di Bolzano. Alcuni poliziotti e carabinieri sono rimasti feriti nel tentativo di fermarlo

CLICCA SULL'IMMAGINE PER VEDERE IL VIDEO (Tratto da Fb - Tg Rai)
Pubblicato il - 27 gennaio 2019 - 12:46

BOLZANO. Sarebbe un operatore del centro profughi ex Alimarket di Bolzano il giovane di 34 anni, originario del Togo, l'uomo che questa mattina ha creato momenti di paura in città.

 

Dalle informazioni che sono arrivate, l'uomo prima di prendere servizio per motivi ancora sconosciuti è andato in escandescenza e ha selvaggiamente pestato un collega creando anche numerosi danni alla struttura.

 

In un secondo momento, invece, si sarebbe denudato e armato di un bastone ha iniziato a spaccare diverse auto e vetrine lungo via Galvani.

 

Sul posto si sono immediatamente portate le forze dell'ordine che sono riuscite dopo circa mezz'ora a bloccare l'uomo.

 

Una mattinata di follia che ha portato ad una decina di auto distrutte, cinque feriti, tra i quali poliziotti e carabinieri e tanta pausa.

 

L'uomo è stato fermato e portato in carcere.

 

 

 

(Video tratto da Facebook - Tg Rai Alto Adige)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 agosto - 19:21

Dopo l'azione degli Schützen di ieri, che hanno coperto i nomi tedeschi in 600 cartelli per denunciare l'ingiustizia della non ufficialità dei toponimi tedeschi, la questione torna al centro del dibattito. Delle Donne: "E' meramente politica, fu l'Svp a non renderla ufficiale". Klotz: "Si vuole dare valenza istituzionale a nomi fascisti e inventati. L'azione degli Schützen evidenzia l'ingiustizia"

17 agosto - 20:11

E' successo questo pomeriggio attorno alle 17. Sul posto i vigili del fuoco. E' stato necessario il sorvolo dell'elicottero con il geologo per verificare la situazione

17 agosto - 12:12
Le tracce del plantigrado sono state trovate nelle vicinanze di malga Ora a quota 1.875 metri tra il passo Lavazè in val di Fiemme e Nova Ponente sul versante altoatesino. Le orme sono state rilevate dopo che altre tracce erano state lasciate dal plantigrado nel territorio del comune di Giovo sul versante di Faedo. La Provincia conferma
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato