Contenuto sponsorizzato

Investito da un'auto a tre anni, raccolta fondi per portare la salma del piccolo Mario in Macedonia

Dopo la tragedia di giovedì scorso avvenuta ad Arco ora parte la campagna di solidarietà per aiutare la famiglia del bambino a portare la salma nel paese d'origine del padre

Pubblicato il - 24 giugno 2019 - 12:31

ARCO. “Un piccolo contributo che non impoverisce nessuno, ma anzi lo arricchisce”, il tutto per aiutare la famiglia del piccolo Mario a portare la salma del bimbo, tragicamente scomparso ad Arco giovedì scorso, nel paese natale del padre. La campagna è stata lanciata su Facebook per aiutare la famiglia Stevanoski che si trovava ad Arco in visita da alcuni parenti, quando il bambino di soli tre anni è uscito di corsa dal cancello dell’abitazione in via Nas per essere accidentalmente investito da un’auto in transito. Del tutto vani, seppur tempestivi, i tentativi di soccorrerlo il piccolo è spirato tra le lacrime di tutti i presenti.

 

La famiglia residente in Germania vorrebbe ora portare la salma di Mario nel paese natale del padre, la Macedonia, e si stanno sbrigando in queste ore le ultime formalità burocratiche. Per far fronte a questa volontà però si deve incorrere in ingenti spese, di qui l’idea promossa dall’associazione ‘Aquila Albanese’, punto di riferimento per la comunità balcanica dell’Alto Garda, che ha messo a disposizione un conto corrente IT50N0801634311000017372836 per contribuire alle spese per il trasporto della salma fino in Macedonia dove riposerà il corpo di Mario.

 

Un piccolo gesto di solidarietà per far sentire la vicinanza di tutta la comunità arcense colpita da questa immane tragedia.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 13:16

L'ex assessore alla salute: ''Bene preoccuparsi di 'attenuare' l’immagine dei morti per Covid nei sacchi neri che sicuramente non è mediaticamente in linea con l’immagine che in Trentino 'siamo lontani dai numeri della primavera.. pochissimi casi in terapia intensiva', però forse spiegare al personale anche quale strategia di politica sanitaria si sta portando avanti e quale modello di riorganizzazione dei reparti, aiuterebbe a lavorare con maggiore serenità e consapevolezza''

29 ottobre - 11:30

In Alto Adige la situazione è molto difficile con centinai di casi al giorno e i decessi in continuo aumento. L'estate di ''non ce n'è Covid'' però pesa sulla percezione della gente e mentre il sistema si trova ad affrontare uno dei momenti più difficili dal dopoguerra e il sistema sanitario torna ad essere in affanno servono anche questi appelli

29 ottobre - 12:27

L'incidente è avvenuto all'altezza del casello di Rovereto Nord in direzione del Brennero. In azione la macchina dei soccorsi, disagi alla viabilità

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato