Contenuto sponsorizzato

Lavarone, stop al progetto di accoglienza per 24 donne. Le associazioni: ''Cosa teme Fugatti dalla loro presenza sul territorio?''

Cinque associazioni hanno sottoscritto una lettera di protesta nei confronti della decisione della Provincia di bloccare il progetto di accoglienza per 24 donne ospitate a Lavarone e che saranno trasferite a Trento 

Foto Cinformi
Pubblicato il - 23 febbraio 2019 - 11:50

LAVARONE. “Perché una tale scelta?” questa la domanda che si sono fatti cinque enti e associazioni che hanno deciso di sottoscrivere una lettera di protesta contro la decisione da parte della Provincia di Trento di interrompere il progetto di accoglienza che era stato avviato a Lavarone due anni fa e che coinvolge 24 donne, profughe, provenienti dalla Nigeria ospitate in una struttura messa a loro disposizione da un ordine monastico.

 

Dubbi sulla bontà del provvedimento che la Provincia sarebbe intenzionata a mettere in campo con il trasferimento delle migranti nel capoluogo, erano stati espressi anche nei giorni scorsi dal sindaco di Lavarone sottolineando il fatto che “sarebbe stato opportuno far concludere il progetto di accoglienza che stava andando bene”

 

Questa la lettera sottoscritta da Casa delle Donne, Osservatorio “Cara Città”, Se non ora quando? – Trentino, Gruppo RAAB Trentino, Tamtam per Korogoko

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 maggio - 06:01

 Le parole ''gnocca'', ''negro'', ''muslim'' vanno alla grande, la mission pare essere quella di bannare i ''pididioti'', l'insulto per donne sovrappeso fotografate ''a tradimento'', poi, è un must. La speranza è che si tratti di un furto di personalità ma dalle foto sembrerebbe proprio che Ivan Cristoforetti braccio destro di Spinelli sui social si scateni. Ecco come 

20 maggio - 19:53

Da quando il maltempo di fine ottobre ha distrutto interi boschi nella zona di Bedolplan, sopra Piné, praticamente nulla è stato fatto a livello di recupero del legname schiantato e della zona. In questi giorni, però, è arrivata l'incredibile notizia ai due giovani gestori del ristorante/bar: ''Hanno trasformato in un lotto unico un'area di circa 150 ettari e la ditta che ha vinto l'appalto ha deciso, per motivi di sicurezza, di farne tutto zona cantiere''

20 maggio - 19:17

L'incidente è avvenuto sulla tratta tra Berlino e Monaco all'altezza di Lipsia. La donna era andata con la figlia e il figlio a vedere la finale di Champions di pallavolo. Il suo ultimo post su Facebook recita: ''Complimenti bravissima Lube''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato