Contenuto sponsorizzato

Marco Manfrini accusato di omicidio aggravato della moglie Eleonora Perraro. L'ultimo post fatto poche ore prima insieme: ''La vita mi regala momenti speciali e fantastici''

L'uomo solo una settimana fa aveva ricevuto un ammonimento perché la moglie era finita in ospedale riportando diverse lesioni. I due, però, evidentemente, erano nuovamente insieme e avevano deciso di passare la notte al Bar ''Sesto Grado'' fermandosi anche a dormire lì all'aperto. Lui questa mattina si è svegliato con lei a fianco priva di vita e ha chiamato il 112

Di Luca Pianesi - 05 settembre 2019 - 19:51

NAGO TOBOLE. Aveva già ricevuto un ammonimento orale notificatogli una settimana fa (il 28 agosto) dopo che la donna era finita al pronto soccorso di Rovereto dopo una lite con lui. Ora è indagato per omicidio aggravato e Eleonora Perraro non c'è più. La roveretana di 44 anni ieri sera aveva fatto un ultimo post con suo marito al suo fianco con sullo sfondo il Garda e la scritta: ''Buona serata a tutti da noi. Abbiamo cambiato look e la mia gamba a pezzi ma tutto sommato la vita mi regala momenti speciali e fantastici. Una buona notte dal cuore''. 

 

 

 

Ma per la donna non c'è stata nessuna buona notte. Questa mattina, infatti, dal Bar Sesto Grado che si trova sulla strada che scende da Nago verso Torbole all'altezza del sentiero Marmitte dei Giganti, al 112 era arrivata la telefonata del marito Marco Manfrini. L'uomo, classe '69 di Rovereto, era in stato confusionale e diceva di essersi svegliato con al fianco la moglie morta. A quel punto i carabinieri si sono precipitati sul posto con il personale specializzato del Nucleo Investigativo Provinciale dei Carabinieri di Trento e del dottor Raniero della Medicina Legale di Verona. Purtroppo gli inquirenti non hanno potuto far altro che accertare la morte violenta della donna, le cui cause saranno meglio delineate a seguito dell’autopsia tutt’ora in corso.

 

 

Quel che è certo è che Perraro presentava dei segni di percosse sul volto e delle ecchimosi sul corpo. Contattato il gestore del locale ci è stato spiegato che la coppia ieri sera non sembrava in lite. I due hanno mangiato e sono rimasti lì fino a tardi, poi hanno preso un amaro e un caffé, e chiesto proprio al gestore se potevano fermarsi nella notte tra quei pouf, quegli ombrelloni e quegli ulivi che si sono trasformati nella scena del crimine poi analizzata in tutti i dettagli dalle forze dell'ordine coordinate dal pm De Angelis della Procura di Rovereto. Sul tavolino vicino al luogo dove si erano sdraiati l'uomo e la donna vi erano ben visibili delle bottiglie di alcolici.

 

 

L'uomo ha raccontato di aver dormito al fianco della donna per poi, al suo risveglio, intorno alle 7 scoprire che era morta. Sentito in Caserma alla presenza del Pm e dell'avvocato difensore d’ufficio Elena Cainelli, Manfrini riferiva di non ricordare nulla dell’accaduto se non di aver passato la serata in quel bar e, dopo la chiusura, di essere rimasti lì insieme e di essersi poi svegliato come detto, con la moglie senza vita al suo fianco. 

 

Quanto riscontrato dai rilievi e le dichiarazioni confuse dell’uomo hanno portato gli investigatori a procedere al fermo di Manfrini indiziato di delitto per omicidio aggravato. L'uomo è stato, quindi, accompagnato in carcere a Trento a disposizione del Pm che richiederà la convalida dell’atto al Gip. A carico dell’uomo si è scoperto, risulta esserci un ammonimento orale del questore di Trento notificatogli il 28 agosto 2019 dal commissariato di pubblica sicurezza del capoluogo a seguito di emissione di referto medico della moglie del pronto soccorso di Rovereto fattasi visitare dopo una lite coniugale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato