Contenuto sponsorizzato

Marini annuncia una contro-querela per Sgarbi: ''Mi ha insultato. Questione che riguarda anche il mio ruolo e i cittadini''

Il consigliere Cinque stelle: ''Il punto non era se Sgarbi avesse conosciuto o meno Fugatti in parlamento, ma la mia contrarietà alla sua nomina a presidente del Mart che ritengo inopportuna''

Pubblicato il - 16 maggio 2019 - 13:31

TRENTO. "Sgarbi non è l'unico ad aver minacciato querela. L'ho fatto anch'io nei suoi confronti per avermi variamente insultato". Le parole sono di Alex Marini che interviene dopo le dichiarazioni del presidente del Mart Sgarbi che (qui articolo) ha riferito di aver dato mandato al suo legale di depositare una querela nei confronti del consigliere Cinque stelle. Insomma, ormai tra i due è scontro. Dopo il sondaggio in Rete, aggiunge Marini, "pur non amando per niente l'idea di finire a parlare di queste cose in tribunale, sto vagliando nei dettagli l'azione legale, che procederò a depositare non appena terminata".

 

Ma andiamo con ordine. Il botta e risposta finito sulla stampa in questi giorni non è il primo tra il critico d'arte e il consigliere M5S. Lo spiega lo stesso Marini, che ripercorre in una nota ufficiale la vicenda: "Come oggi riportato da tutti i quotidiani locali trentini, Vittorio Sgarbi è tornato a minacciarmi di querela, atto cui vorrebbe aggiungere un'azione civile. A quanto leggo, il politico eletto in parlamento con Forza Italia ritiene che io abbia scritto "mentendo" che lui ha conosciuto e tessuto rapporti col presidente Fugatti in parlamento. In effetti l'ho scritto... ma al condizionale e rifacendomi a un ben preciso articolo di stampa  del 15 febbraio 2019 in cui, riguardo a quella che era allora un'indiscrezione sulla sua nomina al Mart, è scritto: "Sgarbi, che conosce bene Fugatti dai tempi della medesima frequentazione sui banchi del parlamento, era stato in visita nella struttura disegnata da Botta subito dopo l'Epifania"".

 

"Si tratta in ogni caso di un dettaglio - continua Marini - Il punto che volevo sollevare non era certo se Sgarbi avesse conosciuto o meno Fugatti in parlamento, quanto spiegare la mia contrarietà verso la sua nomina a presidente del Mart di Rovereto, che ritenevo, e ritengo, inopportuna anche perché dettata da ragioni eminentemente politiche. Per inciso, anche quest'ultima convinzione è in gran parte corroborata da un articolo di stampa dell'estate scorsa (06 agosto 2018) in cui Sgarbi si diceva pronto ad "assecondare il destino" creando una lista da schierare a favore di Fugatti per dare la possibilità agli elettori di Forza Italia di scegliere fra lui e Michaela Biancofiore e definiva la propria lista come uno "stimolo" per indurre quest'ultima a rientrare al seguito di Fugatti, aggiungendo che se quest'ipotesi si fosse realizzata la lista avrebbe potuto restare lo stesso, cito, "per portare un elemento culturale, fare dei comizi e parlare del Mart da riportare a una dimensione internazionale, oppure di progetti per il Palazzo delle Albere, di Castel Valer e Castel Caldes. Sono pronto a dialogare e proporre la lista anche ad altri amici trentini come Mauro Ottobre e la sua Autonomia dinamica e persino a Franco Panizza. Per vincere si deve stare nel centrodestra"".

 

Sempre il consigliere del movimento Cinque stelle scrive, nella nota: "Ora Sgarbi sostiene "di aver visto Fugatti la prima volta solo il giorno in cui si è dimesso" (si intende dal parlamento), cosa avvenuta parecchi mesi dopo l'intervista di cui sopra. Lascio a ciascuno la valutazione in merito alla credibilità di tale affermazione. Mi limito però ad osservare che il progetto politico da lui delineato ad agosto 2018 pare assai definito mentre ci viene chiesto di credere che esso sia stato lanciato mezzo stampa senza che l'estensore Sgarbi avesse mai nemmeno conosciuto il recipiente di tutte queste attenzioni ovvero Fugatti. Al tempo stesso Sgarbi accusa me di mentire quando mi limito a riportare una circostanza scritta su un quotidiano che all'epoca della pubblicazione Sgarbi non si curò affatto di smentire".

 

Quindi l'attenzione si sposta sulla querela annunciata dal critico d'arte nei confronti di Marini: "Sgarbi non è l'unico ad aver minacciato querela. L'ho fatto anch'io nei suoi confronti per avermi variamente insultato. A suo avviso sarei un "inetto", "lautamente pagato" per la mia "assoluta incompetenza", un "depensante" (cioè un soggetto privo della capacità di pensare con la propria testa preferendo conformarsi alle idee di altri), uno che si arricchisce grazie alla propria palese mancanza di competenza e un "onanista, con la destra e con la sinistra" perché porterei argomenti inconsistenti. Non credo serva spiegare come questi siano insulti belli e buoni. Di per sé essi mi lasciano indifferente, poiché qualificano una volta di più chi li esprime, per di più con immotivata magniloquenza".

 

"Come mi è stato fatto notare - aggiunge il consigliere provinciale - la questione però non riguarda solo me, ma anche il ruolo che ricopro e i cittadini che si riconoscono nella mia azione politica. Per questo ho proposto un sondaggio on-line su come procedere (qui articolo). I voti sono stati 540, l'81% dei quali a favore della querela. Pur non amando per niente l'idea di finire a parlare di queste cose in tribunale, cosa che porterà via tempo ed energie alla mia attività politica, sto quindi vagliando nei dettagli l'azione legale, che procederò a depositare non appena terminata".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 16:02

A Roma si consuma la crisi di governo aperta dal leader della Lega e vice premier Matteo Salvini. Conte entra durissimo: "E' contraddittorio il comportamento di una forza politica, che presenta una mozione di sfiducia e non ritira i ministri. La cultura delle regole e il rispetto delle istituzioni non si improvvisano. Pericoloso e preoccupante chiedere pieni poteri e invocare le piazze"

20 agosto - 17:09

Dopo Giuseppe Conte e Matteo Salvini arriva l'intervento di Matteo Renzi. "Il vice premier non conosce il diritto e la costituzione dopo 26 anni pagato dai contribuenti per incarichi pubblici. E' andato al governo con il 17%, un governo che ha fallito anche per sua responsabilità"

20 agosto - 16:35

Dopo il discorso del presidente del consiglio la replica del ministro degli interni è stata fiacca e sentita più e più volte. Ancora una volta i riferimenti alla Madonna, alla fede e la citazione di Papa Giovanni Paolo II

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato