Contenuto sponsorizzato

Mettere a disposizione delle persone con disabilità la bellezza delle nostre montagne, protagonisti i ragazzi di Anffas

L'obiettivo è quello di creare un escursionismo senza barriere. Il gruppo di dieci ragazzi dell’Anffas, affiancato da un assistente ambientale del Parco, Michele Zeni, e da un appassionato fotografo locale, Angelo Davorio, ha percorso quindi il primo dei luoghi più belli e adatti che sono stati censiti:  l’itinerario “Un sentiero per tutti” in località Nudole in Val di Daone

Pubblicato il - 23 June 2019 - 12:16

TRENTO. Mettere a disposizione anche delle persone con disabilità la bellezza delle nostre montagne e dei nostri borghi. Questo l'obiettivo del nuovo progetto di escursionismo senza barriere, ideato da Parco Adamello Brenta, Parco Fotografico Trentino e Accademia della Montagna del Trentino e che ieri ha visto protagonisti dieci ragazzi di Anffas di Tione che hanno inaugurato il progetto "Bellezza Accessibile" di Parco Adamello Brenta, Accademia della Montagna e Parco Fotografico Trentino, percorrendo l'itinerario "Un sentiero per tutti" in località Nudole in Val di Daone.

 

Nudole è il primo dei luoghi, accessibili anche a persone con disabilità, che sono stati e saranno censiti all'interno dell'area protetta e saranno promossi attraverso eventi con l'accompagnamento dell'assistente ambientale del Parco Adamello Brenta e un fotografo del paesaggio.


I ragazzi di Anffas sono stati gli apripista di due importanti progetti di inclusione sociale ai quali partecipa anche il Parco Naturale Adamello Brenta: “Natura Senza Barriere” e “Bellezza Accessibile”.

Per questo fine settimana, la Onlus FederTrek ha promosso in tutta Italia l’evento “Natura Senza Barriere”: due giornate che hanno in programma 25 iniziative di escursionismo nella natura, adatte anche a persone con disabilità. Il Parco ha aderito, cogliendo l’occasione per lanciare il progetto “Bellezza Accessibile”.

 

Con questo progetto si vuole individuare, descrivere e catalogare una serie di percorsi (sentieri/strade bianche) che possano essere definiti “accessibili” o praticabili alle persone disabili; percorsi attraverso i quali i luoghi definiti "della bellezza" possano essere da loro raggiunti per poter essere ammirati, vissuti e fotografati.

 

“E’ un riconoscimento al Parco Adamello Brenta – ha commentato Iva Berasi, Direttrice di Accademia della Montagna – per la sensibilità verso i temi dell’accessibilità e per le azioni messe in atto per garantire a tutti la fruizione della bellezza naturale e paesaggistica. Con il progetto 'Bellezza Accessibile' realizzato con il fotografo e scrittore Alberto Bregani, ideatore del Parco Fotografico Trentino, abbiamo voluto mettere a disposizione anche delle persone con disabilità la bellezza delle nostre montagne e dei nostri borghi ed insegnare loro a immortalarla con l’obiettivo. Sono stati individuati dei luoghi dello sguardo, della bellezza, da dove riprendere gli scorci più belli”.

 

Il gruppo di dieci ragazzi dell’Anffas, affiancato da un assistente ambientale del Parco, Michele Zeni, e da un appassionato fotografo locale, Angelo Davorio, ha percorso quindi il primo dei luoghi più belli e adatti che sono stati censiti: l’itinerario “Un sentiero per tutti” in località Nudole in Val di Daone. Questo sentiero è stato realizzato nel 2015 proprio per essere fruito anche da persone con disabilità, soprattutto con ridotta capacità motoria e non vedenti. E’, infatti, completamente pianeggiante, sbarrierato, dotato di bordi “batti-bastone” e fondo liscio. Inoltre, i testi dei pannelli guidati sono tradotti anche in Braille mentre le fotografie sono stampate in rilievo.

Oltre a Nudole, si stanno individuando altri itinerari, con le stesse caratteristiche, nelle vicinanze di strutture che possano offrire anche servizi adeguati a questo tipo di “clientela”. Per il momento sono stati approvati il Lungolago di Tovel, il Lungolago di Molveno, Malga Ritort, il Sentiero “Amolacqua” in Val Nambrone e diverse tappe lungo la Val Genova (Ponte Verde–Cascate Nardis; Ponte Rosso–Malga Genova; Ragada; Malga Caret; piana di Bedole).

 

Nel corso dell’estate 2019 verranno quindi proposte in questi luoghi altre escursioni come quella di Nudole, aperte a tutti (gruppi organizzati e non, anche fuori provincia). Accompagnati da guide esperte e da fotografi di paesaggio, i partecipanti potranno fotografare e vivere la natura dell’area protetta, senza difficoltà.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
06 maggio - 11:40
De Preto (Arcigay), Caproni (Agedo) e Lo Presti (Famiglia Arcobaleno) sono intervenuti sulla discussione relativa al disegno di legge contro [...]
Cronaca
06 maggio - 11:35
Prosegue la campagna vaccinale, via libera alla fascia d'età più popolosa dell’Alto Adige. I laboratori dell'Azienda sanitaria nelle [...]
Cronaca
06 maggio - 11:16
L'allerta è scattata a Dobbiaco, fortunatamente illeso il conducente. In azione la macchina dei soccorsi. Lunga operazione di recupero del [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato