Contenuto sponsorizzato

Neve, vento e freddo, le tre ragazze che gestiscono malga Cimana evacuate dai vigili del fuoco: ''Grazie a pompieri e comune per il tempestivo intervento, mai in pericolo''

Scenario completamente invernale a malga Cimana: oltre dieci centimetri di neve e temperature bassissime, -2 gradi. "Oggi - spiega - avevamo diversi appuntamenti in agenda tra cresime e comunioni per una sessantina di persone. Questa notte ho dormito qui per terminare i preparativi di prima mattina, ma i piani sono cambiati a causa del maltempo"

Di Luca Andreazza - 05 May 2019 - 19:25

VILLA LAGARINA. "Nessuna situazione di pericolo, ma la strada è stata chiusa per il pericolo di caduta piante", queste le parole di Delfina Irler, gestrice insieme a Ilaria Clappa e Silvia Andreatta di malga Cimana, che aggiunge: "Ci dispiace per i nostri clienti che non siamo riuscite ad accogliere per cause di forza maggiore e un grandissimo ringraziamento a vigili del fuoco e comune di Villa Lagarina per il tempestivo intervento".

Scenario completamente invernale a malga Cimana: oltre dieci centimetri di neve e temperature bassissime, -2 gradi. "Oggi - spiega - avevamo diversi appuntamenti in agenda tra cresime e comunioni per una sessantina di persone. Questa notte ho dormito qui per terminare i preparativi di prima mattina, ma i piani sono cambiati a causa del maltempo".


Una gestrice è, infatti, rimasta bloccata a Cei per gli alberi caduti lungo la strada, mentre un'altra poco dopo Villa Lagarina, sempre per le piante in mezzo alla strada. La situazione è simile, in proporzione, alla tempesta Vaia che si è abbattuta sul Nord-Est a ottobre scorso.


Non solo le intense precipitazioni, ma i danni maggiori sono causati dalle fortissime raffiche di vento: tanti gli alberi che hanno iniziato a cedere e l'amministrazione si è trovato costretto a chiudere la viabilità. "Le piante - evidenzia Delfina - sono appesantite e diverse non hanno retto. I vigili del fuoco hanno messo le catene dei mezzi per fare da apri pista e raggiungere la malga: ogni 200 metri poi sono intervenuti per rimuovere gli alberi a terra, una situazione incredibile".


Un fuoriprogramma, ma fortunatamente senza criticità e preoccupazioni. "La strada e la malga - prosegue - sono rimaste chiuse per motivi precauzionali. Dispiace per i clienti che speriamo di accogliere alla prossima occasione, mentre grazie per l'instancabile lavoro ai soccorsi, che si sono spesi per liberare la strada e permettermi di rientrare a casa".


La malga è stata riaperta il 13 aprile scorso da queste donne giovani e intraprendenti, mentre la vera e propria inaugurazione è fissata per il weekend del 25 e 26 maggio. "Vogliamo - conclude - animare questo luogo nel segno dei sapori, della tradizione e di tante offerte per le famiglie. L'obiettivo è poi quello di valorizzare il territorio circostante tra nordic walking, trekking, mountainbike e i percorsi già esistenti".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 December - 13:05

Il Dpcm firmato nelle ultime ore dal premier Giuseppe Conte non parla di Regione ma specifica la differenziazione tra Trento e Bolzano, come già avvenuto nel decreto legge del 2 dicembre scorso: questo significa che sono assimilati a due distinti territori 

04 December - 13:26

E' successo nel corso della mattinata e sul posto si sono portati i vigili del fuoco. L'interruzione della linea elettrica sarebbe stata causata dalla rottura di 2 isolatori portafune nella zona di Casteldarne

03 December - 15:38

L’obiettivo è quello di far uscire il documentario l’anno prossimo in occasione del 28 giugno, anniversario della morte di Angelo Bettini, avvocato roveretano socialista e antifascista trucidato dai nazisti. La regista Katia Bernardi: “Fra i protagonisti anche Renato Ballardini, uno dei testimoni, dell'eccidio che ricorda tutto della notte in cui uccisero i suoi amici di Riva del Garda”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato