Contenuto sponsorizzato

Non ha il biglietto e spintona il controllore sulla Trento Malé. Tolti gli abbonamenti a tre persone con disagi psichici che creavano problemi sui bus

Intorno alle 13.40 l'aggressione, all'altezza della fermata di Lamar. Poi l'uomo è riuscito a scappare. Andreatta: ''In questo periodo molta attenzione da parte anche degli altri utenti. Per ridurre i disagi sono stati tolti gli abbonamenti gratuiti a un uomo e due donne con disturbi psichici ormai noti sia ai passeggeri che al personale viaggiante''

Di Luca Pianesi - 25 giugno 2019 - 18:13

TRENTO. Due spintoni sulla schiena del controllore e poi la fuga dal treno. Risultato: il convoglio ha fatto registrare una ventina di minuti di ritardo e l'aggressore ha fatto perdere le sue tracce. I fatti si sono svolti quest'oggi sulla tratta Trento Malé. All'altezza della fermata per Lamar intorno alle 13.40 il controllore ha chiesto di esibire il titolo di viaggio a un passeggero del treno il quale è risultato poi sprovvisto e ha cominciato a dare in escandescenza. Ne è seguito un battibecco e alla fine sono volati anche due spintoni ai danni dell'operatore.

 

Il treno è rimasto bloccato per alcuni minuti e sono state allertate le forze dell'ordine ma nella confusione l'uomo è riuscito a scendere e a scappare rapidamente. Sarebbe stato, come in altri casi, questo, uno dei convogli interessati dal progetto di controllo a bordo ad opera di guardie giurate ma i vigilantes non c'erano e solo per fortuna la situazione non è degenerata. ''Va detto che è cresciuta anche l'attenzione pubblica in queste situazioni - spiega il dirigente provinciale dei trasporti Roberto Andreatta - e quindi c'è una sorta di controllo sociale e di disapprovazione collettiva che isola chi tenta di viaggiare senza biglietto o che causa disagi''. 

 

Proprio per questo, per ridurre al minimo i problemi, sono stati anche presi provvedimenti nei confronti di persone molto conosciute anche alle forze dell'ordine e al personale viaggiante con disturbi psichici. ''Sono persone che avevano ottenuto l'abbonamento gratuito ai mezzi - spiega ancora Andreatta - e causavano molti problemi a bordo, sia agli utenti che agli autisti. E siccome anche questi benefit, in fondo, sono forme contrattuali se non si rispettano i termini dell'accordo e si creano problemi alla comunità e al servizio pensiamo sia giusto adottare questa linea. Per ora è stato sospeso l'abbonamento a un uomo a Trento e a due donne in Valsugana. Ovviamente potranno servirsi dei mezzi pubblici ma pagando il ticket come gli altri utenti''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 20:04

Da oggi si è deciso che per far finire in isolamento una classe non basta più solo un bambino ma ne servono due (alle superiori resta uno). A livello di contagio i positivi di oggi sono 207. Di questi oltre 110 sono a Trento e Pergine. Dati importanti anche per Rovereto, Levico Terme e Civezzano. Sono 48 i comuni dove si contano nuovi contagiati

23 ottobre - 17:54

Curioso caso nella mattina di venerdì 23 ottobre. Trento sud è stata interessata da un forte odore di gas, con diverse segnalazioni arrivate a Novareti e ai vigili del fuoco. Nell'aria in realtà si era disperso il prodotto odorizzante, utilizzato per dare il caratteristico sentore al metano

23 ottobre - 18:58

Le foto inviate a ildolomiti.it da parte di alcuni utenti mostrano situazioni a rischio contagio. In nessun caso viene rispettato il metro di distanza fisica. "Dovrebbero aggiungere carrozze ai treni ed invece pensano di aumentare i pullman che rimangono poi vuoti" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato