Contenuto sponsorizzato

Non ha il biglietto e spintona il controllore sulla Trento Malé. Tolti gli abbonamenti a tre persone con disagi psichici che creavano problemi sui bus

Intorno alle 13.40 l'aggressione, all'altezza della fermata di Lamar. Poi l'uomo è riuscito a scappare. Andreatta: ''In questo periodo molta attenzione da parte anche degli altri utenti. Per ridurre i disagi sono stati tolti gli abbonamenti gratuiti a un uomo e due donne con disturbi psichici ormai noti sia ai passeggeri che al personale viaggiante''

Di Luca Pianesi - 25 giugno 2019 - 18:13

TRENTO. Due spintoni sulla schiena del controllore e poi la fuga dal treno. Risultato: il convoglio ha fatto registrare una ventina di minuti di ritardo e l'aggressore ha fatto perdere le sue tracce. I fatti si sono svolti quest'oggi sulla tratta Trento Malé. All'altezza della fermata per Lamar intorno alle 13.40 il controllore ha chiesto di esibire il titolo di viaggio a un passeggero del treno il quale è risultato poi sprovvisto e ha cominciato a dare in escandescenza. Ne è seguito un battibecco e alla fine sono volati anche due spintoni ai danni dell'operatore.

 

Il treno è rimasto bloccato per alcuni minuti e sono state allertate le forze dell'ordine ma nella confusione l'uomo è riuscito a scendere e a scappare rapidamente. Sarebbe stato, come in altri casi, questo, uno dei convogli interessati dal progetto di controllo a bordo ad opera di guardie giurate ma i vigilantes non c'erano e solo per fortuna la situazione non è degenerata. ''Va detto che è cresciuta anche l'attenzione pubblica in queste situazioni - spiega il dirigente provinciale dei trasporti Roberto Andreatta - e quindi c'è una sorta di controllo sociale e di disapprovazione collettiva che isola chi tenta di viaggiare senza biglietto o che causa disagi''. 

 

Proprio per questo, per ridurre al minimo i problemi, sono stati anche presi provvedimenti nei confronti di persone molto conosciute anche alle forze dell'ordine e al personale viaggiante con disturbi psichici. ''Sono persone che avevano ottenuto l'abbonamento gratuito ai mezzi - spiega ancora Andreatta - e causavano molti problemi a bordo, sia agli utenti che agli autisti. E siccome anche questi benefit, in fondo, sono forme contrattuali se non si rispettano i termini dell'accordo e si creano problemi alla comunità e al servizio pensiamo sia giusto adottare questa linea. Per ora è stato sospeso l'abbonamento a un uomo a Trento e a due donne in Valsugana. Ovviamente potranno servirsi dei mezzi pubblici ma pagando il ticket come gli altri utenti''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 luglio - 07:59

Proviamo a smontare un po' di dubbi e perplessità sull'incredibile vicenda che riguarda la fuga dell'orso scappato nella notte tra domenica e lunedì dal recinto del Casteller superando recinti elettrificati e dandosi alla macchia senza radiocollare. Ieri, poi, è spuntata una foto di lui in Marzola dove non ci sono mai stati né orsi né lupi ma la realtà è spesso più incredibile della fantasia soprattutto se alla base c'è una figuraccia tanto grande

16 luglio - 22:30

Il plantigrado non avrebbe più vie di fuga e il ministro, che a poche ore dalla fuga ha diffidato la Provincia dall'abbatterlo, chiede nuovamente al presidente Maurizio Fugatti di non uccidere l'animale: "E' un animale braccato e riuscirete a prenderlo ma non sparate. Io mi sto attivando al massimo delle mie competenze per evitare un Daniza2"

16 luglio - 19:29

La settimana scorsa il vicepresidente della circoscrizione di Gardolo, il leghista della prima ora Pacifico Mottes, ha ufficializzato la sua uscita del partito. Il segretario Bisesti: "Per l'affetto sincero che provo per lui non commento". Malumori ci sarebbero però anche in altre zone del territorio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato