Contenuto sponsorizzato

Più opportunità di lavoro nella ''Green Economy''. La guida della Macroregione alpina passa dal Tirolo alla Lombardia

E' un accordo siglato nel 2013 dai paesi che fanno parte dell’unione Europea: Italia, Francia, Germania, Austria , Slovenia e da due stati extra europei Svizzera e Liechtenstein. Tra gli obiettivi quelli di promuovere una gestione sostenibile dell’energia e delle risorse naturali e culturali, protezione ambientale del territorio, ad aumentare lo sviluppo del territorio

Di gf - 29 gennaio 2019 - 20:10

MILANO. Valorizzare opportunità di lavoro nei settori della “Green Economy” e delle tecnologie innovative ma anche potenziare l'attenzione all’imprenditoria giovanile e sviluppare programmi capaci di conciliare sviluppo economico e salvaguardia delle risorse naturali. Sono questi solo alcuni degli importanti temi che saranno al centro dell'agenda della Macroregione Alpina che vedrà il passaggio di consegne tra l'attuale presidenza del Tirolo a quella della Lombardia il prossimo 28 febbraio 2019 alla presenza dei rappresentanti dei Governi Europei e delle Regioni interessate.

 

Sarà un momento molto importante per portare avanti un progetto che deve sempre più crescere non solo con l'apporto delle istituzioni ma anche dell'intera società.

 

La Macroregione alpina, ufficialmente EUSALP (EU Strategy for the Alpine region), è un accordo siglato nel 2013 dai paesi che fanno parte dell’unione Europea: Italia, Francia, Germania, Austria , Slovenia e da due stati extra europei Svizzera e Liechtenstein; ne fanno parte le 48 regioni e province autonome che si trovano attorno alla catena alpina. Le regioni italiane sono la Lombardia, la Liguria, il Piemonte, la Valle d’Aosta, il Veneto, il Friuli Venezia Giulia e le province autonome di Trento e Bolzano.

La strategia alpina punta a promuovere una gestione sostenibile dell’energia e delle risorse naturali e culturali, protezione ambientale del territorio, ad aumentare lo sviluppo del territorio favorendo una mobilità sostenibile, una rafforzata cooperazione accademica tra i paesi e le regioni che ne fanno parte, nonché lo sviluppo di servizi, trasporti e infrastrutture per la sua comunicazione.

 

Dopo le presidenze della Slovenia, della Baviera per la Germania e del Tirolo per l’Austria nel 2019 per l’Italia toccherà alla Lombardia la presidenza della strategia macroregionale europea. L'obiettivo, come già detto, è quello di coinvolgere a tutti i livelli la società civile per renderla consapevole della grande opportunità costituita da una visione macroregionale dei problemi e delle potenzialità di sviluppo economico e sociale dell’area.

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 agosto - 18:59

L’ex ministra alla salute commenta la sentenza del tribunale di Trento: “L’irrazionale convincimento del genitore mina l’integrità e la salute del bambino, i figli sono titolari di propri diritti incomprimibili e il giudice ha fatto bene a tutelari”

08 agosto - 19:15

Il candidato sindaco si smarca da Fugatti: “Voglio avere un buon rapporto con la Provincia, ma ognuno governa a casa propria”. Al centro della proposta ci saranno le famiglie. La sicurezza? “Non sarà una delle priorità ma non l’unica, inaccettabile che ci siano luoghi dove si spaccia alla luce del sole”

08 agosto - 19:38

Gunther Mair, ex portiere di Trento, Rovereto e Arco è stato punto da alcune vespe mentre era a passeggio, ora si trova ricoverato in rianimazione. L’Us Levico Terme: “Non mollare, siamo certi che vincerai anche questa battaglia”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato