Contenuto sponsorizzato

Rifiuti pericolosi a Trento nord, sequestrata un'area di mille metri quadri

Sono state trovate cento tonnellate di materiale illecitamente stoccato, tra cui rifiuti molto pericolosi sparsi e in balia delle intemperie . Un trentino di 59 anni, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria 

Pubblicato il - 19 aprile 2019 - 09:24

TRENTO. Eternit, materie plastiche e gomma ma anche materiali provenienti da demolizioni edilizie, componenti di meccanica e di elettronica, barattoli contenenti olii di vario genere e agenti chimici. I finanzieri della compagnia di Trento e gli agenti del nucleo operativo ambientale della polizia locale hanno sequestrato un'area di mille metri quadri, di una ditta di costruzioni, al cui interno erano presenti circa cento tonnellate di materiale illecitamente stoccato, tra cui rifiuti molto pericolosi sparsi e in balia delle intemperie e quindi di fatto un pericolo per l'ambiente.

L'area illegale si trova poco lontano da via Maccani a Trento nord ed è stata individuata durante dei normali controlli che hanno portato le forze dell'ordine a trovare l'area recintata diventata un accumulo di rifiuti di proprietà di una ditta operante nel settore edile.

 

Il rappresentante legale della società proprietaria del terreno adibito a discarica abusiva, un trentino di 59 anni, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria quale responsabile di gravi reati ambientali previsti e puniti dal Decreto Legislativo n. 152/2006 e l’intera area è stata sottoposta a sequestro.

Sarà ora compito degli organi competenti ad effettuare le analisi chimiche dei terreni sequestrati e valutare il livello di inquinamento e di tossicità raggiunto nonché il potenziale pericolo per i residenti della zona, mentre le Fiamme Gialle della Compagnia di Trento procederanno ad individuare le eventuali violazioni di natura tributaria correlate all’attività svolta sul sedime industriale attualmente sotto vincolo giudiziario.

 

Sono inoltre in corso gli accertamenti per il recupero delle tasse sullo smaltimento dei rifiuti solidi urbani dovuta in base alle leggi nazionali e provinciali anche da chi eserciti, come in questo caso, l’attività di deposito non autorizzato di rifiuti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 13:20

L'esponente di Fratelli d'Italia si scaglia contro Marco Leonardelli, responsabile Giovani Lega : "Il signor Leonardelli non mi risulta si sia mai confrontato con le preferenze e la sua associazione universitaria 'Siamo Futuro' rimane a 0" e su Divan: "Può definirsi universitario da appena un mese"

28 novembre - 11:50

Sono stati analizzati 2.388 tamponi per 494 test risultati positivi e un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 20,7%. Altri 3 morti, il bilancio sale a 228 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 523 decessi da inizio epidemia

28 novembre - 12:58

L'allarme è scattato verso le 10 di questa mattina, sul posto si sono portati i vigili del fuoco, il soccorso alpino e i carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato