Contenuto sponsorizzato

Si fingono del Comune e della banca e cercano di farsi accreditare dalle suore 5.000 euro su una carta. Denunciati in quattro

Telefonano al convento e parlano di un problema con un contributo economico edilizio per i lavori di ristrutturazione dello stabile. Ma le suore si insospettiscono e chiamano i carabinieri

Pubblicato il - 06 aprile 2019 - 11:28

SAN MARTINO DI CASTROZZA. Diverse telefonate al convento fingendosi responsabili del Comune e di una banca, poi la richiesta di denaro. Ma le suore si sono insospettite e hanno avvisato i carabinieri che hanno sventato un tentativo di truffa e denunciato quattro persone.

 

Ma andiamo con ordine. È successo lo scorso dicembre: tutto è iniziato con delle telefonate (con due utenze mobili) al monastero delle Clarisse Cappuccine. Dei contatti durante i quali i quattro, poi finiti nei guai, si sarebbero finti addetti del Comune e di una banca. Avrebbero fatto presente alle suore un (finto) intoppo burocratico legato a un contributo economico edilizio inerente a dei lavori di ristrutturazione del convento.

 

Quindi il tentativo di farsi accreditare dalle suore, nell'ambito di questa storia raccontata, 5.000 euro su due carte prepagate.

 

Ma, all'ennesima telefonata, a una suora è venuto un dubbio: intuito che c'era qualcosa che non quadrava, ha telefonato ai carabinieri della stazione di Primiero San Martino di Castrozza. Ne è nata un'indagine al termine della quale per le quattro persone, che avrebbero avuto base in Piemonte, è scattata una denuncia a piede libero con l'accusa di tentata truffa in concorso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 04:01

La questione approda in consiglio provinciale con un'interrogazione di Luca Zeni. Post pro Trump (assistito da Gesù nella sua battaglia), uno su Linkedin dove qualificandosi come capo gabinetto della Pat scrive di essere in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Whuan e poi la ''Q'' sul profilo, l’hastag acronimo “WWG1WGA” usato dagli adepti di questa frangia dell'ultradestra che si rifà a un cattolicesimo reazionario che in America (ma anche in Italia) si sta facendo spazio. Il consigliere chiede chiarezza

28 novembre - 10:18

Il presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher ha presentato nella giornata di venerdì 27 la nuova ordinanza che entrerà in vigore lunedì 30 novembre e porterà ad una riapertura scaglionata di diverse attività, oltre che all'allentamento delle misure per il contenimento del virus. Ecco quali sono le principali novità

27 novembre - 16:13

Durante i mesi di agosto e settembre, il lago è stato interessato da un’intensa fioritura algale, visibile ad occhio nudo per l’anomala colorazione dell’acqua della superficie. Questo episodio di fioritura è stato provocato da un ciano batterio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato