Contenuto sponsorizzato

Solidarietà al popolo curdo, tante adesioni e cambia sede la manifestazione

L'appuntamento è per questo pomeriggio (16 ottobre) alle ore 17 in piazza D'Arogno. Numerose adesioni trasversali da parte di partiti politici e associazioni 

Pubblicato il - 16 ottobre 2019 - 13:24

TRENTO. Cambia sede la manifestazione in programma per oggi, mercoledì 16 ottobre, alle ore 17 (QUI L'ARTICOLO). Il concentramento si terrà infatti in piazza D'Arogno e non in piazza Pasi come era stati inizialmente programmato.

 

Il cambio di sede è stato deciso dopo le tante adesioni che hanno portato gli organizzatori a scegliere uno spazio più ampio e che consenta di far svolgere il presidio senza arrecare particolari problemi al centro storico.

 

L'appuntamento “Trento Bozen per il Rojava-Mobilitiamoci contro l'attacco turco" è in continuità con le tante manifestazioni che si svolgono in tutta Italia contro l'operazione militare del governo turco.

 

“Facciamo vedere che tutto il Trentino solidale – è stato spiegato dagli organizzatori - è a fianco della resistenza del Rojava, per la giustizia e la libera convivenza tra i popoli”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 11:47

Mentre in questi giorni si è assistito a qualcosa di farsesco con i gilet arancioni scesi in piazza per dire che il coronavirus non esiste, che vogliono la lira e dicono no al 5G, con le proteste, separate dai primi, di Casa Pound e altri gruppi di estrema destra, domani si annunciano altre manifestazioni (con Lega e Fratelli d'Italia). Salvini oggi polemizza perché non gli viene concesso di deporre una corona all'Altare della Patria ma l'anno scorso, quando poteva farlo perché era istituzione, non aveva partecipato

01 giugno - 06:01

Il lockdown non ha fermato i giovani e il loro impegno per il futuro: i pensieri dei ragazzi e il loro lavoro con gli insegnanti è continuato e c’è stata la possibilità di portare a conclusione progetti cominciati prima della chiusura delle scuole. Ecco la lettera con le proposte della seconda media. La prof: ''Aspetteremo la risposta, poiché speriamo di venire presi in considerazione e, quando la riceveremo la condivideremo anche con i vostri lettori''

01 giugno - 10:21

Questo pomeriggio è previsto un incontro in videoconferenza tra associazioni e istituzioni per cercare di mettere in campo delle soluzioni. Intanto, però, già ieri in tanti sono finiti in strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato