Contenuto sponsorizzato

Trovata senza vita in auto, indagini in corso sulla morte di Serena Pedergnana

Si sospetta l'overdose ma sarà l'autopsia a chiarire cosa sia successo. Il fidanzato che ha dato l'allarme è stato sentito dagli investigatori. La tragedia ieri attorno a mezzogiorno

Pubblicato il - 26 November 2019 - 08:25

TRENTO. E' Serena Pedergnana la giovane di 25 anni che ieri è stata rinvenuta morta in auto davanti all'ospedale Santa Chiara. Si sospetta una overdose ma sarà l'autopsia a chiarire ogni dubbio.

 

La ragazza aveva trascorso la notte in auto con il fidanzato. Dalle prime informazioni raccolte dalle forze dell'ordine si sarebbero dovuti recare ieri mattina al Serd ma ad un certo punto il ragazzo si è accorto che qualcosa non andava e che Serena, sdraiata sui sedili posteriori della macchina, non stava dormendo.

 

Ecco allora che si è fermato con l'auto in via Paolo Orsi e ha iniziato a chiedere aiuto (QUI L'ARTICOLO). Purtroppo all'arrivo dei soccorsi per la giovane non c'era più nulla da fare. La morte, secondo il referto, risale a circa 10 ore prima.

 

Sul posto sono intervenuti i carabinieri e la scientifica e il fidanzato è stato sentito dagli investigatori. All'interno della macchina sarebbe stata trovata anche una siringa.

 

La Procura, intanto, ha ordinato l'autopsia sul corpo della 25enne per capire quali sono state le reali cause della morte.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato