Contenuto sponsorizzato

Truffato un parroco trentino, un finto imprenditore chiede un cambio di soldi ma dopo aver preso 3 mila euro scompare

L'uomo, un 42enne della Rotaliana, si è finto un imprenditore nel settore dei rifiuti. Aveva bisogno di cambiare delle banconote di grosso taglio. La stessa truffa è stata usata anche con altri parroci 

Pubblicato il - 05 luglio 2019 - 08:41

TRENTO. Una vera e propria truffa orchestrata ai danni di un parroco trentino con tanto di bottiglia di vino. La vicenda è finita in procura.

 

Un uomo di 42 anni residente in Rotaliana si è presentato alla porta del parroco esprimendo l'intenzione di voler fare una donazione alla parrocchia. Il 42enne si è presentato come un imprenditore nel settore dei rifiuti speciali spiegando i avere a disposizione una grossa somma con la possibilità di fare una donazione se gli fossero state cambiate alcune banconote di grosso taglio con altre di piccolo taglio.

 

Inizialmente il sacerdote ha rifiutato ma poi è stato convinto dalla parlantina del falso imprenditore per che concludere la questione l'ha invitato a casa sua. Ecco allora che nel settembre dello scorso anno il sacerdote è andato a casa dell'uomo con una busta contenente 3 mila euro in banconote di piccolo taglio. Il 42enne, dopo averle prese, ha fatto finta di andare a prendere gli altri soldi da consegnare al religioso che però non si sono mai visti. Dopo scuse e rinvii da parte del finto imprenditore, il parroco ha capito ad un certo punto di essere stato truffato e non ha potuto fare altro che denunciare la vicenda ai carabinieri.

 

Le indagini portate avanti dai militari hanno permesso di capire che la stessa tecnica di truffa era già stata usata con altri parroci trentini.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 dicembre - 07:01

L'assessora Stefania Segnana ha rassicurato che appena possibile, e compatibilmente con l'emergenza Covid-19, il servizio verrà riattivato. Ioppi: "Non si può aspettare nella migliore delle ipotesi l'ultimo momento per intervenire. In questo modo si sovraccaricano ulteriormente gli operatori". Fugatti risponde al Patt: "Trovare novelli difensori degli ospedali di valle, quando sappiamo benissimo quanto è stato fatto in 15 anni, ci fa un po' sorridere"

02 dicembre - 20:28

Da qualche giorno appare chiaro che sommando i positivi trovati con i molecolari e gli antigenici il Trentino appare in linea (anzi con dati peggiori come per altro sui decessi e le terapie intensive) con l'Alto Adige. Ieri i positivi ''reali'' erano circa 520 (a fronte dei 156 comunicati in conferenza stampa) e sabato erano circa 800 (a fronte dei 219 di Fugatti e Segnana). Da domani anche la Pat dovrebbe fornire i dati completi uniformandosi alla vicina provincia di Bolzano

02 dicembre - 19:37

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 278 positivi a fronte dell'analisi di 3.705 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,5%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato