Contenuto sponsorizzato

Valanga in Paganella, 20 soccorritori coinvolti nelle operazioni di bonifica: “Nessuna persona coinvolta”

La valanga si è staccata dalla cima della Paganella, appena sotto il rifugio La Roda. Il distacco nevoso, con un fronte di circa 15 metri di larghezza e 20 metri di lunghezza, è arrivato a lambire la pista che dalla cima porta al Ristorante Albi de Mez

Foto d'archivio
Pubblicato il - 22 December 2019 - 17:35

ANDALO. Si sono concluse poco prima delle 15 le operazioni di bonifica di una valanga che si è staccata dalla cima della Paganella appena sotto il rifugio La Roda. Il distacco nevoso, con un fronte di circa 15 metri di larghezza e 20 metri di lunghezza, è arrivato a lambire la pista che dalla cima porta al Ristorante Albi de Mez, fortunatamente senza travolgere nessuno.

 

Quest’ultima eventualità è stata confermata dagli operatori del soccorso alpino allertati verso le 12e15, sul posto è intervenuto anche l’elicottero che ha trasportato in quota il Tecnico di Elisoccorso e l’unità cinofila del Soccorso Alpino per verificare che nessuna persona fosse stata travolta dalla valanga.

 

Nel frattempo altre squadre del Soccorso Alpino sono accorse sul luogo per prendere parte alle operazioni di bonifica della valanga, per un totale di una ventina di soccorritori coinvolti delle Stazioni di Paganella-Avisio, Rotalian -Bassa Val di Non, Trento-Monte Bondone, San Lorenzo in Banale e Molveno.

 

 In una seconda rotazione l’elicottero ha trasportato in quota una seconda unità cinofila e altri tre operatori della Stazione Valle di Non. La bonifica della valanga, alla quale hanno collaborato anche il Soccorso Piste, i Carabinieri e gli impiantisti, ha dato esito negativo: nessuna persona è stata travolta.

 

Ricordiamo che in tutta la regione del Trentino-Alto Adige è stata diramata su tutta la regione l’allerta arancione, terzo grado “marcato” della scala che sancisce il pericolo valanghe. Il comunicato diffuso da MeteoTrentino su Valanghe.report ricorda di fare particolare attenzione alla neve fresca e a quella ventata.

 

Le valanghe, infatti, potrebbero distaccarsi in modo provocato o spontaneo. Proprio per quanto riguarda la provincia di Trento la neve fresca e il vento da forte a tempestoso proveniente dai quadranti meridionali hanno provocato la formazione di accumuli di neve ventata facilmente distaccabili.

 

Specialmente nelle zone in prossimità delle creste, nelle conche e nei canaloni, il pericolo slavine aumenta in maniera esponenziale. La neve fresca e la neve ventata potrebbero distaccarsi anche in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali, per questo quando ci si muove bisogna prestare la massima attenzione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

21 January - 12:22

Le temperature inferiori e le deboli precipitazioni hanno dato vita al fenomeno del gelicidio, all'origine del maxi-tamponamento che nella prima mattinata ha completamente bloccato la statale della Valsugana in direzione di Trento. L'esperto di MeteoTriveneto Giampaolo Rizzonelli ne spiega il funzionamento

20 January - 21:34

Dopo la distruzione del suo rifugio Pian dei Fiacconi, il gestore Guido Trevisan aveva un'idea precisa: ricostruire in armonia con la natura e l'ambiente circostante. Purtroppo c'è chi sta cercando di portargli via quel sogno. Le parole di Trevisan: "Non considero giusto sfruttare una catastrofe per perseguire interessi personali, molti pensano che sia ora di cambiare direzione e io penso che l'unica via sia quella di adattare le nostre abitudini all'ambiente"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato