Contenuto sponsorizzato

Viene offesa su facebook dall'amante del marito. Interviene la polizia postale

L'amante si era creata un profilo Facebook falso per dare della "cornuta" alla moglie dell'uomo. La polizia postale in poco tempo è riuscita ad individuarla ed ora deve vedersela con il giudice

Pubblicato il - 09 ottobre 2019 - 08:07

TRENTO. Non solo tradita ma anche offesa su Facebook dall'amante del marito. La vicenda è avvenuta in Valsugana e l'amante ora se la deve vedere con il giudice dopo aver rischiato di pagare circa 12 mila euro per le offese fatte tramite l'utilizzo di un profilo falso.

 

La vicenda riguarda un uomo che fa il commesso in un negozio, luogo dove è nata la storia con una cliente. Ala donna, però, non le è bastato conquistare il cuore dell'uomo sposato ma, non si sa per quale motivo, ha deciso di farsi un profilo falso su Facebook e sotto mentite spoglie ha postato una serie di messaggi offensivi alla moglie dell'uomo arrivando fino a darle della 'cornuta'. Quest'ultima, quindi, oltre al dolore per essere stata tradita ha dovuto anche sopportare questa situazione. Decisa ad andare fino in fondo ha fatto denuncia alla polizia postale che in poco tempo è riuscita a scovare la vera identità di chi gestiva il profilo con nome falso.

 

Si trattava, appunto, dell'amante che è stata denunciata per diffamazione aggravata. Per lei è stato emesso un decreto penale di condanna di circa 12 mila euro al quale si è opposta finendo ora davanti al giudice. Nel frattempo, però, sempre l'amante sembra aver capito l'errore nell'agire in quel modo e ha chiesto scusa ottenendo il ritiro della querela. Sarà ora il giudice a decidere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 ottobre - 19:05

La procura ha avviato un'indagine per contestare la carenza di documentazione contabile e la destinazione delle spese. In pratica non verrebbero distinte le risorse utilizzate per attività istituzionali e che sono ammesse da quelle commerciali per le quali la legge non permette di utilizzare fondi di derivazione pubblica

15 ottobre - 14:06

Gli sportivi turchi che sostengono l’invasione e il governo di Ankara festeggiano i propri risultati con il saluto militare ma, nonostante le minacce, si levano anche alcune voci critiche.  Nel frattempo la squadra tedesca del St. Pauli licenzia un giocatore che aveva espresso il suo sostegno a Erdoğan "valori in contrasto con quelli del club"

15 ottobre - 17:23

L'indagine è partita dopo i ripetuti episodi di avvelenamento di animali domestici e selvatici, registrati negli ultimi mesi in Vallagarina. L’operazione, che ha consentito anche una bonifica del territorio e la ricerca di esche mediante il ricorso a cani specificamente addestrati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato