Contenuto sponsorizzato

Addio a Jole Garzetti, si è spenta la coordinatrice della Caritas: ''Una vita dedicata agli altri, una persona speciale per la nostra comunità''

E' enorme il cordoglio nella comunità di Lavis e della piana Rotaliana per la scomparsa di Garzetti. La 78enne lascia il marito Enrico, i figli Sabrina e Gabriele. La Caritas sotto il suo impulso è cresciuta tantissimo per diventare un importante punto di riferimento per la cittadinanza

Di L.A. - 11 dicembre 2020 - 11:08

LAVIS. Si è spenta a 78 anni Jole Garzetti, figura molto conosciuta in piana Rotaliana per l'impegno di oltre 30 anni al servizio della comunità. E' stata assessora comunale e catechista, ma soprattutto dal 1985 si è distinta per aver guidato la Caritas a Lavis, realtà che si occupa della distribuzione di cibo e capi d'abbigliamento a 90 famiglie residenti in paese. Riferimento per il centro abitato, questo ente gestisce anche un "centro d’ascolto" con l’obiettivo di avvicinare le persone bisognose, fornire aiuto e dignità.

 

"E' stata per me un'educatrice ai tempi della catechesi. E' stata assessora nella Giunta di mio papà. Una persona che ho molto a cuore. Una vita dedicata agli altri - commenta Andrea Brugnara, sindaco del Comune di Lavis - sempre in prima linea per aiutare il prossimo e un grandissimo impegno nella Caritas. E' una figura speciale per la nostra comunità".

 

E' enorme il cordoglio nella comunità per la scomparsa di Garzetti, lascia il marito Enrico, i figli Sabrina e Gabriele. La Caritas sotto il suo impulso è cresciuta tantissimo negli anni fino a trasferirsi nella nuova e più grande sede, la "Casa della solidarietà", edificio che è diventato inoltre un punto di raccolta e raccordo per diverse associazioni del territorio, mentre gli spazi dell'azione diocesana sono stati intitolati a "don Paride Chiocchetti".

 

Nonostante il passo indietro a causa delle condizioni di salute, Garzetti, delegata in questi anni dal parroco nella gestione delle attività, ha sempre seguito da vicino tutte le operazioni, ma soprattutto ha lasciato un grandissimo esempio di impegno e fedeltà, tanto che sono diversi i collaboratori e volontari disponibili nel corso dell'anno per portare avanti in modo capillare le iniziative in programma.

 

La Caritas annualmente riesce a fornire risposte positive e circostanziate a oltre 70 richiese importanti e tutte improrogabili nel tempo, supporta 50 nuclei familiari per 126 persone coinvolte, sostiene una cinquantina di colloqui d'ascolto; distribuisce oltre 1.300 pacchi viveri, consegna una quindicina di abbonamenti per il trasporto pubblico, paga una decina di bollette di gas e luce per i bisognosi e elargisce una quarantina di aiuti economici.  

 

Non solo, oltre il centinaio la consegna di vestiario e oltre 30 le forniture di arredo casalingo usato a diverse unità familiari e persone sole che abitavano senza mobilio interno. La 78enne si è spenta dopo aver combattuto una lunga battaglia contro la malattia. L'ultimo saluto è per oggi, venerdì 11 dicembre, alle 14.30 al cimitero di Lavis.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato