Contenuto sponsorizzato

Asili nido, il Comune di Trento ha accolto quasi il 90% delle richieste. Massima attenzione per le norme anti-covid

Il servizio a tempo pieno verrà erogato per un massimo di 8,5 ore al giorno, articolate su 4 fasce orarie allo scopo di garantire il distanziamento interpersonale in entrata e uscita e il servizio a tempo parziale per un massimo di 6 ore al giorno, senza anticipi e posticipi con articolazione oraria distinta in base alla tipologia di nido

 

Foto archivio
Pubblicato il - 21 August 2020 - 15:42

TRENTO. Il Comune di Trento è riuscito ad accettare quasi il 90% delle richieste di posti negli asili d'infanzia per l'anno educativo 2020/2021. Sono 364 i bambini che, insieme a quelli che già frequentano, verranno inseriti a partire dal mese di settembre. Il ritardo nell’assegnazione dei posti rispetto agli anni scorsi, hanno spiegato gli uffici comunali, è dovuto alla necessità di rivedere l’organizzazione complessiva del servizio a seguito dell’emergenza Covid al fine di ridurre il rischio di contagio, sulla base delle indicazioni dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari e del Dipartimento istruzione e cultura della Provincia Autonoma di Trento.

 

C'è una serie di indicazioni allo scopo di minimizzare quanto più possibile le probabilità di trasmissione del virus in un particolare ambito nel quale, per la particolarità dei rapporti interpersonali, rendono la gestione della sicurezza particolarmente critica e delicata. Nello specifico le indicazioni rispetto lo svolgimento dell’attività educativa comportano un graduale ritorno alla normalità con la previsione però di particolari misure organizzative finalizzate a favorire ingressi scaglionati, evitare assembramenti, favorire l’attività all’aperto, individuare gruppi stabili e quindi composti sempre dagli stessi bambini con il loro educatore, evitando interazioni con altri gruppi stabili. È inoltre richiesta la collaborazione e l’impegno di tutti i soggetti coinvolti nell’osservare alcune norme igieniche sia in ambito di vita privata che sul posto di lavoro, in particolare con la sottoscrizione di un “patto di corresponsabilità” da parte delle famiglie utenti del servizio.

 

In vista della riapertura del servizio a partire da settembre 2020, alla luce delle prescrizioni sopra citate, gli uffici hanno dovuto pertanto operare una valutazione per ogni singolo nido rispetto alla disponibilità e dimensioni degli spazi di riferimento e del relativo personale, definendo il numero di bambini accoglibili in ogni nido, l’orario del servizio e le fasce orarie di fruizione, avendo cura di garantire per ogni gruppo degli spazi dedicati ai diversi momenti che scandiscono la giornata al nido (momento del gioco, del pasto, del sonno e della cura del corpo) cercando di favorire l’ampio utilizzo degli spazi esterni.

 

Il servizio a tempo pieno verrà erogato per un massimo di 8,5 ore al giorno, articolate su 4 fasce orarie allo scopo di garantire il distanziamento interpersonale in entrata e uscita e il servizio a tempo parziale per un massimo di 6 ore al giorno, senza anticipi e posticipi con articolazione oraria distinta in base alla tipologia di nido. Ciò posto, tenuto conto dei bambini che proseguono la frequenza dal precedente anno educativo, i posti disponibili per l’anno educativo 2020/2021 sono 290 nei nidi a tempo pieno e 74 nei nidi a tempo parziale, distinti per lattanti e per divezzi.

 

Coloro che hanno avuto l'assegnazione del posto sono già stati raggiunti da una specifica comunicazione. Le graduatorie con le relative assegnazioni sono consultabili fino a martedì 25 agosto nel sito del Comune di Trento, sotto forma di estratto e, a tutela dei dati dei minori, prive dei relativi dati identificativi.

 

La consultazione della graduatoria sarà possibile per i genitori verificando la posizione del proprio bambino attraverso il numero di protocollo della domanda presentata. Successivamente alla scadenza del termine per l'accettazione, si procederà all’assegnazione dei posti rimasti liberi a seguito di rinuncia e verrà data comunicazione agli assegnatari presso i recapiti da questi indicati nella domanda di ammissione.

 

Gli utenti ai quali è stato assegnato il posto al nido d’infanzia sono tenuti ad accettarlo formalmente entro il giorno martedì 25 agosto 2020 mediante l’invio a servizio.istruzione@pec.comune.trento.it, della seguente documentazione:

1. modulo di accettazione (Modulo 1866 – Accesso ai nidi d’infanzia tempo pieno o Modulo 1867 – Accesso ai nidi d’infanzia tempo parziale) scaricabile dal sito del Comune

2. ricevuta dell'avvenuto pagamento dell'anticipo tariffario di Euro 150,00 (o di Euro 40,60 nel caso di bambini appartenenti a nuclei familiari con indicatore ICEF inferiore o pari a 0,05 come dichiarato all'atto della domanda di ammissione), salvo eventuali agevolazioni in caso di accettazioni contemporanee di fratelli da effettuare tramite il portale MyPay della Provincia Autonoma di Trento;

3. attestato di “conformità dello stato vaccinale” aggiornato al momento dell'accettazione, da stampare accedendo alla piattaforma elettronica TreC.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 December - 08:43

In vista delle festività natalizie il Governo ha introdotto nuove misure restrittive che fra le altre cose estendono l’effetto dei Dpcm già emanati. Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 saranno vietati gli spostamenti tra Regioni diverse, mentre a ridosso del Natale saranno vietati anche quelli fra Comuni

03 December - 10:17

Il sindaco di Longarone Roberto Padrin ha comunicato la decisione di sospendere l'attività scolastica in presenza fino al 12 dicembre. I troppi casi registrati nel Comune del Bellunese hanno spinto l'amministrazione a decidere "un atto a tutela di bambini, genitori, nonni e personale delle strutture" per rompere la catena infettiva. "Decisione sofferta ma l'unica possibile"

03 December - 09:42

Sono diversi gli incidenti che hanno interessato il territorio altoatesino nella notte tra mercoledì 2 e giovedì 3 dicembre. Le abbondanti nevicate cadute sulla provincia hanno imbiancato le strade, rendendole scivolose. Interventi dei vigili del fuoco si sono resi necessari a Silandro, Naz-Sciaves e Chiusa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato