Contenuto sponsorizzato

Bellunese in ginocchio per il maltempo ma i turisti si lamentano perché costretti a ritornare indietro e non possono raggiungere Cortina

Decine di auto sono state rispedite indietro dalle forze dell'ordine all'altezza di Auronzo, numerosi i turisti che si sono lamentati perché non è possibile raggiungere Cortina oppure è vivamente sconsigliato. Anche il sindaco di Alleghe è dovuto intervenire per bloccare alcuni scialpinisti che avrebbero voluto partire per un'escursione

Di L.A. - 07 December 2020 - 12:10

CORTINA D'AMPEZZO. Strade chiuse, frane e smottamenti, un'intensa perturbazione che ha messo in ginocchio vaste aree del bellunese. Ma il fortissimo maltempo di queste ore non è riuscito a fermare i turisti. 

 

Decine di auto sono state rispedite indietro dalle forze dell'ordine all'altezza di Auronzo, numerosi i turisti che si sono lamentati perché non è possibile raggiungere Cortina oppure è vivamente sconsigliato.

 

Un problema che era emerso ancora nella giornata di sabato scorso, quando l'assessore regionale Gianpaolo Bottacin aveva invitato tutti a restare a casa e soprattutto lontano dalle Dolomiti (Qui articolo).

 

Nella serata di sabato la Prefettura di Belluno aveva emesso un'ordinanza per vietare l'ingresso e l'uscito nella giornata di ieri, domenica 6 dicembre, da Livinallongo, Rocca Pietore, San Pietro di Cadore, Zoppè di Cadore, Colle e Santa Lucia.

 

Il Triveneto è andato in fortissima difficoltà a causa del maltempo, viabilità interrotta in diversi punti e tantissimo lavoro per la macchina dei soccorsi.

 

Nel bellunese In località Ren di Gosaldo un mezzo dei vigili del fuoco è rimasto coinvolto nel crollo di un ponte, fortunatamente gli operatori sono riusciti a scappare in tempo (Qui articolo), mentre una Rsa è finita allagata e gli anziani sono stati trasferiti d'urgenza (Qui articolo). Ma sono stati molti gli interventi in queste ultime ore. 

 

Nonostante le tante criticità e l'intenso maltempo, molti i turisti che hanno cercato di raggiungere Cortina. Anche il sindaco di Alleghe è dovuto intervenire per bloccare alcuni scialpinisti che avrebbero voluto partire per un'escursione.

 

Questa la ragione che ha portato in queste ore a rafforzare i controlli lungo le strade e per limitare gli spostamenti ai casi di necessità. "Situazioni - commenta Roberto Padrin, presidente della Provincia di Belluno - ovviamente che hanno ulteriormente messo sotto pressione il sistema e creato diversi problemi. Si deve avere rispetto del lavoro della macchina dei soccorsi: non possono creare difficoltà a lavora per il bene di tutti".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 January - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 January - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato