Contenuto sponsorizzato

Cambio d'appalto e mense universitarie chiuse per coronavirus: 48 lavoratrici rischiano di rimanere senza lavoro. I sindacati: ''Quasi tutte donne senza stipendio e ammortizzatori sociali''

I lavoratori sono rimasti incastrati in una situazione in cui nessuno degli attori coinvolti è pronto a fare un passo in avanti. Da una parte c’è Risto 3 che da lunedì prende il posto della precedente cooperativa e che vorrebbe rinegoziare i termini dell’affidamento del servizio. Dall’altra che l’Opera Universitaria che intanto non cede alla rinegoziazione

Pubblicato il - 19 giugno 2020 - 16:46

TRENTO. “Ci sono 48 addetti alle mense universitarie che ad oggi sono a casa senza retribuzione e ammortizzatori sociali”. Questa la denuncia che arriva dai segretari generali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, Paola Bassetti, Lamberto Avanzo e Walter Largher insieme ai funzionari che seguono il settore Francesca Delai, Gabriele Goller e Dino D’Onofrio. Da lunedì di fatto la cooperativa trentina subentra a Sma srl nella gestione delle mense e ai bar. Risto 3, spiegano sempre i sindacati, però non ha ancora riassunto i precedenti lavoratori e a nulla sembrano essere serviti fino a questo momento gli incontri, ai quali ha preso parte anche l'Opera universitaria, nel tentativo di dare delle risposte.

 

Ora i 48 lavoratori, con il cambio di appalto e la chiusura dei ristoranti per gli studenti imposta dal Coronavirus, rischiano di restare completamente senza un’occupazione. A peggiorare il quadro il fatto che questi lavoratori, come già detto, quasi tutte donne e con contratti part time, sono a casa senza stipendio né ammortizzatore sociale.

 

“Ancora una volta un cambio d’appalto che si traduce in uno scarica barile sulla pelle delle lavoratrici – tuonano i segretari generali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs-. Pretendiamo che ognuno si assuma la piena responsabilità di questa situazione garantendo continuità occupazionale e retributiva a questi addetti, come peraltro prevede il contratto nazionale di lavoro”.

 

In buona sostanza i lavoratori sono rimasti incastrati in una situazione in cui nessuno degli attori coinvolti è pronto a fare un passo in avanti. “Da una parte c’è Risto 3 – spiegano dal mondo sindacale - che da settimane temporeggia con le nuove assunzioni con l’obiettivo di rinegoziare i termini dell’affidamento del servizio, viste le mutate condizioni in cui operano oggi le mense e l’incertezza sulla riapertura delle lezioni universitarie in presenza a settembre. Dall’altra che l’Opera Universitaria che intanto non cede e non affianca Risto 3 per garantire il pieno rispetto di quanto prevede il capitolato d’appalto e il contratto nazionale di lavoro. Sullo sfondo l’immobilismo della Provincia”. Questa è solo la prima di una serie di situazioni critiche per gli addetti alle mense scolastiche che da qui a settembre è destinata ad esplodere.

 

I sindacati hanno chiesto un incontro con la Pat per trovare una soluzione, la richiesta è quella di allungare di otto settimane la cassa integrazione per questi lavoratori. “La gran parte di loro, come quelli delle mense universitarie, sono fermi da marzo e hanno esaurito la cassa integrazione Covid 19 e non possono essere licenziati fino al 18 agosto. Si trovano dunque senza lavoro e senza alcun sostegno al reddito. Bisogna intervenire subito”, insistono i sindacati che chiamano in causa anche i vertici dell’Università di Trento. “E’ importante fare chiarezza se a settembre ripartiranno le lezioni in presenza e in che misura. Non si possono lasciare i lavoratori e le loro famiglie appese ad un filo”, concludono i sindacalisti.

 

Intanto mercoledì in tutta Italia e anche in Trentino i lavoratori e le lavoratrici delle mense scolastiche e aziendali si mobilitano per chiedere certezze per il loro futuro. Tutti hanno esaurito le quattordici settimane di cassa integrazione Covid 19 ed è urgente una proroga dell’ammortizzatore sociale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:24

Sono 6.405 casi e 470 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.227 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,99%

23 settembre - 19:31

Mosaner e Betta non vincono al primo turno e sono costretti a un insidioso ballottaggio. Malfer e Parisi hanno la possibilità di influenzare pesantemente il voto del 4 ottobre, mentre la Lega si giocherà il tutto per tutto puntando forte su Santi e Bernardi. Nell’Alto Garda domina l’incertezza

22 settembre - 17:37

La campagna elettorale si fa (anche) a suon di carta (volantini, biglietti da visita, brochure) che, spesso, copre le nostre città. Una lista civica di Brentonico ha, quindi, cercato di trovare una soluzione ecologica e sostenibile: "Abbiamo utilizzato una carta biodegradabile con all'interno dei semi. Il bigliettino da visita può così essere 'piantato' per far germogliare dei fiori amici degli insetti impollinatori"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato