Contenuto sponsorizzato

"Canova Regna": arrestati 8 minorenni di una banda che gestiva lo spaccio in città. "Metodi criminali non frequenti nel nostro contesto"

All'alba di mercoledì 1 luglio sono stati arrestati 8 minorenni membri di una vera e propria banda che da Canova gestiva un'attività ramificata di spaccio a Trento. Sorprendenti i metodi del sodalizio criminale, con il ricorso della violenza nei confronti dei creditori inadempienti. I soggetti sono stati posti o agli arresti domiciliari o in comunità, mentre proseguono le indagini per capire il funzionamento dell'organizzazione e i canali di rifornimento

Di Davide Leveghi - 01 luglio 2020 - 12:07

TRENTO. Un sodalizio criminale formato da soggetti minorenni, capace di muoversi sul territorio e di creare vere e proprie piazze di spaccio, da nord a sud della città. È questo l'esito delle indagini, presentato alla stampa dagli uomini della Questura e della Procura minorile di Trento, dopo che in mattinata era stato dato l'annuncio dell'arresto di 8 giovani per spaccio di stupefacenti.

 

Rallentata dall'emergenza sanitaria, l'attività di indagine ha preso avvio ancora nell'autunno 2019, dopo il sequestro da parte di una volante della polizia di Stato di un buon quantitativo di stupefacenti, aprendo uno squarcio su un'organizzazione criminale che dal parco di Canova – da qui il nome dell'operazione, tratto dal nome che i giovani davano alla propria banda, “Canova Regna” - controllava con metodi sorprendenti (sia per l'età dei soggetti che per la realtà trentina) la vendita di hashish e marijuana in diverse parti della città.

 

Disinvolti, sfacciati, sbandati, questi giovani provengono dalle più disparate situazioni familiari, risucchiati in una vera e propria organizzazione che scimmiottava metodi e modalità di gestione del traffico illecito propria di realtà ben più complicate e convulse di Trento. Infiltrati nel tessuto della città, i soggetti hanno mostrato una grande capacità, nonostante la mancanza di mezzi propri (i soggetti arrestati, come detto, sono tutti minorenni), di muoversi, di giorno come di notte, non incontrando alcuna resistenza.

 


 

“Canova Regna” è partita come detto da una semplice attività di controllo del territorio, in cui grazie a un sequestro di una buona quantità di stupefacenti si è intravista una rete ben più consolidata, capace di gestire le “piazze” di spaccio nella periferia nord della città (Canova, Roncafort), come nei sobborghi a sud (Ravina, Aldeno) attraverso telefonate e messaggistica istantanea.

 

I soggetti, che secondo la questura hanno dimostrato una “solidarietà criminale che ha del raccapricciante e dello scoraggiante”, vendevano marijuana e hashish a compratori anch'essi di minore età, nei suddetti luoghi come nelle scuole, come testimoniato da un episodio che ha visto protagonista un'adolescente, soccorsa in orario scolastico per essersi sentita male a causa della scarsa qualità dello stupefacente. Tra i 15 e i 20 sono stati i consumatori segnalati, mentre ai creditori non inadempienti non veniva risparmiato un trattamento violento.

 

Sul funzionamento del sodalizio criminale e dei canali di rifornimento, l'attività di indagine sta proseguendo. Per ora sono 8 i giovani raggiunti da misure cautelari, ridotti agli arresti domiciliari in casa (4 persone) o in comunità (altri 4, fuori regione). Dall'operazione svolta all'alba di mercoledì 1 luglio sono stati sequestrati svariati grammi di marijuana e hashish (il più corposo da 300 grammi), mentre rimane da capire, come emerso da qualche telefonata, se la banda “trafficasse” anche con sostanze stupefacenti più pesanti, come della cocaina.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

25 settembre - 18:36

Vigili del fuoco in campo per cercare di rispondere alle chiamate di numerosi cittadini dopo le forte raffiche di vento che hanno colpito nel pomeriggio diverse zone del Trentino. A passo Lavazè automobilisti in difficoltà a causa della neve. La strada è stata momentaneamente chiusa 

25 settembre - 17:41

I vigili del fuoco sono impegnati in decine di interventi legati al maltempo che sta colpendo con particolare violenza l’Alto Adige. Anche in Trentino i pompieri sono stati allertati per alcuni allagamenti e per diversi alberi schiantati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato