Contenuto sponsorizzato

Spaccio di droga, operazione della polizia di Trento per fermare 8 minorenni che vendono hashish, marijuana e cocaina a coetanei

Avevano suddiviso il territorio di Trento in vere e proprie piazze di spaccio, in cui vendere hashish, marijuana e cocaina per soddisfare la “domanda” proveniente per lo più da giovanissimi

Pubblicato il - 01 luglio 2020 - 07:56

TRENTO. Otto minorenni organizzati per spacciare droga in diverse zone di Trento perlopiù a coetanei. Assieme avevano creato un'associazione criminale che proprio in queste ore è obiettivo dell'operazione lanciata dalla Polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Trento.

 

Gli 8 ragazzi operavano sia a Trento ma anche in provincia. A carico dei giovani pusher sono state emesse altrettante misure cautelari restrittive della libertà personale, quali la permanenza in casa ed il collocamento in comunità.

 

L’organizzazione, composta interamente da minori, aveva suddiviso il territorio di Trento in vere e proprie piazze di spaccio, in cui vendere hashish, marijuana e cocaina per soddisfare la “domanda” proveniente per lo più da giovanissimi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 11:41

Nella mattinata di giovedì 26 novembre si è tenuto un incontro tra il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e i sindaci dei due Comuni dell'Altopiano di Pinè (entrambi "zona rossa") Francesco Fantini e Alessandro Santuari. Il primo cittadino di Bedollo: "Abbiamo ottenuto conferma che se entro lunedì la situazione si stabilizza al di sotto del 3% dei positivi, l'ordinanza di zona rossa non verrà rinnovata"

26 novembre - 12:03

I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.104 tamponi e registrati 292 nuovi casi positivi, 11 decessi. Sono 280 persone ricoverate, 40 i pazienti in terapia intensiva

26 novembre - 10:19

I dati sono stati elaborati da Swg su un campione di circa un migliaio di persone. Nel nostro Paese sono in crescita i "complottisti" che credono in un virus diffuso da gruppi di potere, i "riduzionisti" che ritengono la situazione meno grave di come è rappresentata e i "resistenti", quelli che non vogliono vaccinarsi 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato