Contenuto sponsorizzato

Come e quando richiedere il vaccino antinfluenzale. L’appello di Apss: “Vaccinarsi è importante, quest’anno ancora di più”

Sarà possibile prenotare un appuntamento (dal 2 ottobre anche online) dal proprio medico di famiglia, negli ambulatori o con la formula del drive through. Al via la campagna per vaccinare le fasce a rischio della popolazione, Apss: “La procedura è sicura inoltre chi è vaccinato evita di ammalarsi di influenza e semplifica la diagnosi della malattia da coronavirus”

Di T.G. - 30 settembre 2020 - 18:41

TRENTO. “Vaccinarsi è importante, quest’anno ancora di più”, questo in sintesi il messaggio che Provincia e Azienda sanitaria voglio trasmettere alla popolazione attraverso la campagna di vaccinazione antinfluenzale che prenderà il via agli inizi di ottobre. In vista dell’inverno, è importante alleggerire al massimo il lavoro degli operatori sanitari nella diagnosi differenziata. In altre parole vaccinandosi contro l’influenza si aumentano le possibilità di riconoscere in tempo i casi di coronavirus. Influenza e Covid-19 hanno infatti sintomi molto simili, chi è vaccinato evita di ammalarsi di influenza e semplifica la diagnosi della malattia da coronavirus.

 

Secondo i piani di Apss le antinfluenzali saranno effettuate negli ambulatori dei servizi vaccinali e nei drive through dell’Apss, oppure dal proprio medico o pediatra di famiglia. L’obiettivo è quello di essere pronti entro la fine del mese di novembre visto e considerato che solitamente i picchi epidemici influenzali si verificano tra la fine di dicembre e i primi di febbraio.

 

La vaccinazione sarà gratuita per le persone che corrono un maggior rischio di complicanze ed è raccomandata alle persone di tutte le età per semplificare la diagnosi e la gestione dei casi sospetti. “La vaccinazione – spiega Apss – è lo strumento di prevenzione della malattia influenzale più semplice ed efficace, in grado di difendere l’organismo da un virus che, di anno in anno, può modificare le proprie caratteristiche. Il vaccino è sicuro, ben tollerato e solo raramente provoca effetti collaterali severi. Inoltre, dal momento che il vaccino non contiene virus vivi, non può causare la malattia e diventa efficace dopo circa due settimane dalla somministrazione”.

 

Le categorie che potranno rivolgersi al servizio sanitario per una vaccinazione gratuita sono: persone con più di 60 anni; bambini dai sei mesi ai sei anni; donne in gravidanza e nel post partum; addetti ai servizi pubblici di primario interesse (come operatori sanitari, vigili del fuoco e forze dell’ordine, personale dei servizi socio-educativi, dell’infanzia e della scuola, personale del trasporto pubblico, personale della grande distribuzione e dettaglio di generi alimentari); categorie a rischio (con patologie cardiache e respiratorie, insufficienza renale, diabete, tumori, immunodepressione etc.); bambini e adolescenti a rischio sindrome di Reye; familiari e contatti di persone ad alto rischio; donatori di sangue; personale che lavora a contatto con animali.

 

 

Per facilitare l’accesso alla vaccinazione, evitando la formazione di assembramenti, si dovrà prenotare un appuntamento. I bambini dai 6 mesi ai 6 anni saranno presi in carico dal pediatra di libera scelta, mentre i medici di medicina generale daranno priorità alle persone con più di 65 anni. I bambini, appartenenti alle categorie a rischio per patologia, riceveranno una lettera dall’Apss con l’appuntamento per la vaccinazione. Le persone che rientrano fra le categorie a rischio, per le quali l’influenza potrebbe costituire un problema di salute serio, potranno vaccinarsi in qualsiasi momento della stagione influenzale.

 

Per gli adulti a rischio e le altre categorie è prevista la prenotazione online e le persone saranno vaccinate negli ambulatori e nei drive through. La prenotazione si effettua via web accedendo al Cup on-line dal sito internet Apss (seguendo il percorso: prenotazione senza ricetta > vaccinazione antinfluenzale > selezionare sede e orario). Nel caso dei drive through le persone si recheranno con la propria auto nella sede prescelta e la vaccinazione sarà effettuata direttamente restando seduti in automobile. È consigliato presentarsi indossando la mascherina, una maglia a maniche corte e portando con sé la tessera sanitaria. Sono previste tre sedi con drive through vaccinale: Trento (piazzale palazzetto dello sport Trento sud); Pergine (parcheggio ospedale Villa Rosa) e Rovereto (sede da definire). Inoltre le vaccinazioni si svolgeranno a: Mezzolombardo, Arco, San Giovanni di Fassa (Sèn Jan), Taio, Cavalese, Cembra, Lavis, Malè, Borgo Valsugana, Tione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognissanti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato