Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, 7 positivi in un comune: da lunedì test a tappeto per tutti i 2.800 residenti. Così l'Alto Adige combatte il virus

I casi rilevati a Bronzolo non sembrano collegati tra loro e allora via ai test per tutti. La sindaca: ''Faccio appello a tutte le persone residenti affinché si facciano testare. Abbiamo la responsabilità per noi stessi e per il nostro prossimo''. Il direttore dell'Azienda sanitaria: ''Nelle ultime settimane abbiamo osservato nuove infezioni in quasi ogni parte della provincia. Per questo motivo, dobbiamo tenere ben monitorato il territorio e fare in modo di avere la situazione sotto controllo''

Di Luca Pianesi - 05 agosto 2020 - 17:00

BRONZOLO. Sette casi in pochi giorni di persone che ''non necessariamente sono correlate tra loro'', spiega l'Azienda sanitaria, e allora da lunedì a Bronzolo partirà una campagna di tamponi a tappeto nel comune della Bassa Atesina. Il piano strategico della Provincia e dell’Azienda sanitaria prevede, infatti, l'esecuzione immediata di test all’interno di una determinata area geografica nel caso in cui venga registrato un elevato numero di infezioni da Covid-19. Dopo la rilevazione di diversi casi di contagio, questo ora avverrà nel comune di Bronzolo. A partire da lunedì prossimo, tutti i 2.800 residenti potranno eseguire il tampone.

 

La sindaca di Bronzolo, Giorgia Mongillo, ha accolto con favore le misure proposte, offrendo pieno sostegno all’Azienda sanitaria anche, ad esempio, attraverso la divulgazione di informazioni mirate ed opuscoli: "Per la nostra comunità è importante sapere quanto sia diffuso il virus e chi potrebbe esserne portatore. In questo modo possiamo controllare la diffusione del virus, possiamo proteggere i nostri concittadini più anziani e anche altre persone con problemi di salute. Faccio quindi appello a tutte le persone residenti a Bronzolo affinché si facciano testare. Abbiamo la responsabilità per noi stessi e per il nostro prossimo".

 

Per il direttore sanitario reggente Pierpaolo Bertoli, questa tentativo di risposta al virus rappresenta un test anche per altri comuni dell'Alto Adige: "Catene non coesive di infezione, un domani, potrebbero presentarsi in qualsiasi comunità dell'Alto Adige. Nelle ultime settimane abbiamo osservato nuove infezioni in quasi ogni parte della provincia. Per questo motivo, dobbiamo tenere ben monitorato il territorio e fare in modo di avere la situazione sotto controllo. Non solo a Bronzolo, ma a livello provinciale".

 

I test si svolgeranno nelle giornate del 10, 11 e 12 agosto (quest’ultimo solo al mattino): maggiori dettagli organizzativi saranno comunicati in seguito. Ai lavoratori e alle lavoratrici verrà rilasciata una giustificazione per l’assenza dal luogo di lavoro. I risultati saranno disponibili per la fine della prossima settimana. Per l’assessore provinciale Thomas Widmann si tratta di un passo importante: "Dopo la fine del lockdown, scattata tre mesi fa, era chiaro che il rischio di nuove infezioni sarebbe aumentato. Ci siamo preparati a questo e ci siamo attrezzati in modo tale che test rapidi e approfonditi potessero essere utilizzati, garantendo così che i nuovi casi venissero rintracciati tempestivamente e isolati, ma anche che, se necessario, una determinata località potesse essere testata in modo capillare e in breve tempo. Questo si sta ora verificando per la prima volta".

 

Intanto, da quanto comunicato sempre dall'azienda sanitaria dell'Alto Adige, nelle ultime 24 ore sono state registrate 5 nuove infezioni da coronavirus, su 1.294 tamponi effettuati. Sono 900 le persone finite in isolamento, dato che è cresciuto di 138 unità rispetto a quanto rilevato ieri.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 aprile - 20:14
Trovati 88 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 159 guarigioni. Sono 1.413 i casi attivi sul territorio provinciale
Cronaca
17 aprile - 20:51
L'allerta è scattata a Piazzo di Villa Lagarina. In azione ambulanze, vigili del fuoco di zona e carabinieri. I giovani trasferiti in ospedale per [...]
Montagna
17 aprile - 20:17
Il tema è quello della realizzazione di una strada/sentiero anche per i disabili in Val di Mello in provincia di Sondrio ma vale per qualsiasi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato