Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, altri 4 morti in Alto Adige e 283 nuovi positivi (189 trovati con i test antigenici)

Sono 283 i contagi identificati a fronte di 3.428 tamponi per un rapporto contagi/tamponi che si attesta all'8,3%. Un dato che si divide tra i 94 positivi ai 1.185 tamponi molecolari (7,93%) e i 189 casi con 2.243 test antigenici (8,43%)

Di L.A. - 01 dicembre 2020 - 11:30

BOLZANO. Altri 4 morti e sono stati trovati complessivamente 283 nuovi positivi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri nei normali reparti dell'ospedale, ma anche in terapia intensiva. Questo il bollettino odierno di oggi, martedì 1 dicembre, per quanto riguarda l'emergenza coronavirus in Alto Adige.

 

E se il Trentino ancora non comunica i dati dei test antigenici e si copre dietro il ministero (Qui articolo), la Provincia di Bolzano ormai da qualche giorno informa la popolazione sul quadro completo della situazione epidemica.

 

Sono 283 i contagi identificati a fronte di 3.428 tamponi per un rapporto contagi/tamponi che si attesta all'8,3%. Un dato che si divide tra i 94 positivi ai 1.185 tamponi molecolari (7,93%) e i 189 casi con 2.243 test antigenici (8,43%).

 

Altri 4 morti, il bilancio sale a 243 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 535 decessi da inizio epidemia. Sono 23.871 le persone che hanno contratto il coronavirus da marzo.

 

Sono 271 (-7) le persone ricoverate nei normali reparti ospedalieri, 143 (-7) nelle strutture private convenzionate e 87 (+1) pazienti in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes. Sono 34 (-3) i cittadini che ricorrono alle cure della terapia intensiva. Attualmente invece sono 7.973 le persone in quarantena.

 

A livello provinciale a oggi (1 dicembre) sono stati effettuati in totale 312.584 tamponi su 149.254  persone. L'Alto Adige esce progressivamente dalle restrizioni del lockdown, le incertezze sono moltissime per l'apertura degli impianti, anche se Bolzano sembra essersi arresa all'ipotesi di avviare la stagione invernale dopo l'Epifania (Qui articolo).

 

I numeri in breve:

Tamponi effettuati ieri (30 novembre): 1.185

Nuovi casi positivi: 94

Numero delle persone testate positive da PCR al coronavirus: 23.871

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 312.584

Numero delle persone sottoposte al test PCR: 149.254 (+253)

Test antigenici: 2.243 eseguiti ieri, di cui positivi ieri: 189

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 271

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate: 143

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes: 87 (69 a Colle Isarco e 18 a Sarnes)

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 34

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 535 (+4)

Persone in isolamento domiciliare: 7.973

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 52.329

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 60.302

Persone guarite: 12.038 (+114). A queste si aggiungono 1.354 (+5) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test. Totale: 13.392 (+119) 

Collaboratori/collaboratrici dell'Azienda sanitaria positivi al test: 1.083, di questo 477 guariti. (al 25.11.) 

Medici di medicina generale, pediatri di libera scelta e medici di guardia medica positivi: 36, di questi 30 guariti (al 25.11.)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato